‘Equitalia mi chiede 11 milioni di euro’: la denuncia di un imprenditore perseguitato

Pietro Pizzolato è un ex importatore di birra della provincia di Treviso, oggi in pensione. Nel 1997 è stato accusato di aver registrato fatture false. Quattro anni dopo un giudice l’ha assolto, ma Equitalia e Agenzia delle Entrate non vogliono saperne di rinunciare alla sanzione per frode fiscale e dopo 17 anni chiedono a Pietro di sborsare 11 milioni di euro.
Ancora un esempio di come in Italia l’onestà sia perseguita. Un servizio che non può lasciare indifferenti. Cristina Scanu, giornalista de La Gabbia, trasmissione condotta da Gianluigi Paragone, in onda su La7, ci racconta una storia davvero surreale. Un imprenditore costretto a pagare una cifra esorbitante ad Equitalia, la quale ha recapitato a casa sua una cartella di 11 milioni di euro.

======================================================================================

EQUITALIA CHIEDE 3,6 MILIONI A UN AGRICOLTORE – Pubblicato il 05/nov/2013
CONEGLIANO – Apriamo il telegiornale con la storia di un agricoltore del coneglianese che ha ricevuto da equitalia una cartella esattoriale da 3,6 milioni di euro. Ora all’uomo è stato pignorato tutto compresi i mobili di casa. – Intervistati: ALESSANDRA CADALT (Delegata Provinciale Federcontribuenti Treviso) – Servizio di Matteo Spinazzè, riprese di Matteo Spinazzè, montaggio di Alessandro Granziera:

Comments are closed.


Get Widget