Potenza Matera ,Pittella -Bubbico, oggi in tribunale Rimborsopoli – & Scorie a Scanzano, va in scena La Basilicata Tradita

nascondonoUn primo assaggio del possibile processo dopo i rimborsi facili delle ultime legislature. I pubblici ministeri hanno chiesto il rinvio a giudizio di quasi tutti i consiglieri uscenti (una quarantina) e oggi dovrebbe iniziare il dibattimento. Non si escludono rinvii, ma intanto la politica va avanti. E chi, ben prima della presentazione delle liste, chiedeva la non candidabilità degli indagati, ora alza la voce. E’ il caso della candidata governatrice della Sel che ieri è tornata sull’argomento. Dopo aver ricordato che anche il candidato governatore del centrosinistra è tra gli indagati, la giovane vendo liana chiede che la Regione “si costituisca parte civile”. Per Maria Murante si tratta di un atto di “rispetto innanzitutto alle istituzioni democratiche, ma anche un atto doveroso a difesa della trasparenza e dell’interesse collettivo delle lucane e dei lucani”. Parole durissime che non mancheranno di suscitare ulteriori polemiche. Ma la Sel continua a ribadire come il consigliere uscente del proprio partito, Giannino Romaniello, può pregiarsi del titolo di “onesto” per essere risultato -al pari di pochi altri colleghi- completamente estraneo all’inchiesta. Non manca chi invece ricorda che proprio il leader della Sel, Nichi Vendola, è indagato a Taranto per la vicenda dell’Ilva e dei controlli “accomodanti” della locale Agenzia per la protezione dell’ambiente. Insomma, sale sull’ultima settimane di campagna elettorale, in cui la questione morale entra a gamba tesa nel dibattito e nel confronto tra coalizioni e candidati.  Fonte

Comments are closed.


Get Widget