Curmayer, la villa della Santanchè, al fisco risulta un locale commerciale

villasantaLa casa della senatrice di Forza Italia è un locale a uso commerciale, affittato dalla società Visibilia. Nonostante non navigasse in buone acque, l’azienda ha ottenuto dalla Bpm una fideiussione di 40mila euro. L’interessata risponde al Fatto: “Non c’è nulla di male”. Il Fatto Quotidiano scopre che la villa di Daniela Santanchè a Courmayeur “non è un’abitazione ma un locale ad uso commerciale della Visibilia, la società di cui Daniela Santanché è amministratore unico e socio al 60% mentre il restante 40% è della Bioera, quotata in Borsa e controllata dall’ex compagno Canio Mazzaro”. Il quotidiano contesta alla Santanchè il fatto che abbia intestato il contratto di affitto della casa di montagna alla propria società per, ipotizza, “magari scontare il costo dal reddito a fini fiscali?”.

La spiegazione la dà la stessa Santanché che, intervistata dal Fatto, precisa: “Non c’è nulla di male. Quella casa serve per le cose della società. Non è una casa in cui vado tutti i weekend a sciare. Ho ritenuto fosse giusto perché la utilizzo per le pubbliche relazioni e gli eventi che dobbiamo realizzare per Visibilia.

Inoltre mi pare di ricordare con un margine di sicurezza del 99% che paghiamo solo metà del canone tramite Visibilia. Non è una villa ma una casa che ha un piano su strada senza camere da letto dove ho organizzato un incontro con i miei migliori clienti e presto farò un evento per la rivista che edito Ville e giardini”.

Comments are closed.


Get Widget