Menu
Categories
3 adolescenti britannici, volevano arruolarsi nell’Isis: arrestati a Istanbul
marzo 16, 2015 Ambiente e salute

???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Ankara, 15/03/2015 – Tre adolescenti britannici che intendevano arruolarsi nell’Isis sono stati arrestati a Istanbul dalla polizia turca. Lo hanno riferito fonti della sicurezza di Ankara. I tre giovani, di eta’ compresa fra i 18 e i 19 anni, erano pronti a partire per la Siria per unirsi agli jihadisti. I tre ragazzi sono stati arrestati in seguito a una soffiata dei servizi segreti britannici che avevano segnalato il loro arrivo dalla Spagna, dove avevano fatto scalo. La polizia inglese aveva ricevuto segnalazione della scomparsa di due dei tre ragazzi che non hanno ancora compiuto il diciottesimo anno di eta’ e che si sospettava fossero diretti in Siria. Poi si era scoperto che i due erano partiti insieme a un 19enne. I tre sono stati subito estradati in Gran Bretagna dalle autorita’ turche e arrivati a Londra con il primo volo in partenza da Istanbul. Sono subito stati portati in un commissariato del centro della capitale inglese per essere interrogati. Sono accusati di preparare attentati in base alla legge antiterrorismo del 2006. Gli arresti fanno seguito alle polemiche per le tre adolescenti britanniche che a febbraio erano riuscite a raggiungere la Siria dalla Turchia. I servizi di sicurezza di Londra stimano che circa 600 cittadini britannici abbiano raggiunto la Siria e l’Iraq per unirsi agli jihadisti, tra cui il famigerato “Jihadi John” che appare in molti video dell’Isis. (AGI) .

Comments
Comments are closed
*