Operazione della Polizia in sardegna, sgominata cellula terroristica islamica: 18 arresti in tutta Italia

polizia_terroristicaCAGLIARI Ultima Ora – Al Qaeda in Sardegna, tra i 18 arrestati anche i responsabili della strage a Peshawar nel 2009. Il giorno dopo l’annuncio di Obama che chiede scusa per la morte di un cooperante italiano ostaggio dei mujaddin ucciso da un drone Cia in Pakistan, la polizia italiana rende noto che è stata smantellata una filiale di Al Qaeda in Sardegna. Terroristi di matrice islamica che disponevano «armi in abbondanza e numerosi fedeli che erano disposti a compiere atti di terrorismo in Pakistan ed Afghanistan, per poi rientrare in Italia» recita il comunicato della polizia.
La polizia ha arrestato di 18 persone in sette provincie. L’organizzazione scoperta dagli uomini dell’antiterrorismo della polizia di prevenzione predicava la lotta armata contro l’Occidente e organizzava attentati contro il governo del Pakistan. Tra gli arresti, 6 o 7 sono stati eseguiti in Sardegna, più precisamente in Gallura. Le indagini risalirebbero al periodo dei preparativi del G8 a La Maddalena del 2009.
Secondo Digos e antiterrorismo il ruolo principale era svolto da un dirigente del movimento pietistico Tabligh Eddawa (Società della Propaganda), il quale, forte della sua autorità religiosa di Imam, e formatore coranico, operante tra Brescia e Bergamo, stimolava la raccolta di fondi, presso le comunità pakistano- afghane, radicate nel territorio italiano.
La ricostruzione della polizia: «I fondi venivano inviati in Pakistan mediante membri dell’organizzazione che aggiravano i sistemi di controllo sull’esportazione doganale di denaro. In un caso è stato riscontrato il trasferimento di 55.268 euro mediante un volo per Islamabad in partenza da Roma Fiumicino, omettendo di farne dichiarazione di possesso alle autorità doganali. Più di frequente però era utilizzato il sistema cosiddetto “hawala”. Si tratta di un meccanismo di trasferimento valutario e occulto, basato sul legame fiduciario diffuso nelle comunità islamiche europee. Questo sistema consente di trasferire una somma di denaro all’estero consegnandola ad un terminale presente nello Stato estero, detto “hawaladar”, che fornisce un codice identificativo segreto.

Alcuni degli indagati sono responsabili di numerosi e sanguinari atti di terrorismo e sabotaggio in Pakistan, compresa la strage nel mercato cittadino Meena Bazar in Peshawar il 28 ottobre del 2009, dove un’esplosione uccise piu’ di cento persone. Ad accertarlo sono stati gli investigatori del Servizio centrale antiterrorismo della polizia di prevenzione e della Digos di Sassari. Da alcune intercettazioni risulta che due membri dell’organizzazione hanno fatto parte della rete di fiancheggiatori che in Pakistan proteggevano lo sceicco Osama Bin Laden.
Traffici di migranti
L’organizzazione terroristica provvedeva ad alimentare la rete criminale destinando una parte del proprio impegno al fenomeno dell’introduzione illegale sul territorio nazionale di cittadini pachistani o afgani che in taluni casi venivano anche smistati in alcuni Paesi del nord Europa. Per eludere la normativa che disciplina l’ingresso o la permanenza sul territorio nazionale di cittadini extracomunitari – spiegano gli investigatori – gli indagati utilizzavano sistemi semplici e collaudati. In alcuni casi facevano ricorso a contratti di lavoro con imprenditori compiacenti in modo da poter ottenere i visti di ingresso. In altri percorrevano la via dell’asilo politico facendo passare gli interessati, attraverso documenti falsi e attestazioni . FONTE

Comments are closed.


Get Widget