RAI di nuovo nel mirino della Guardia di Finanza: Appalti sospetti e forniture, 37 ispezioni interne

USCITAROMA 26/10/2015 – Acquisita la documentazione di 37 ispezioni interne su appalti e forniture Rai nascosti alla Procura che indaga sulle possibili mazzette pagate dall’imprenditore David Biancifiori per ottenere contratti di spettacoli e fiction.

Blitz della Finanza a Viale Mazzini: acquisita la documentazione di 37 ispezioni interne su appalti e forniture Rai nascosti alla Procura che indaga sulle possibili mazzette pagate dall’imprenditore David Biancifiori per ottenere contratti di spettacoli e fiction. Le indagini avevano già portato all’arresto di tre persone e all’iscrizione al registro degli indagati di altre 44, tra dirigenti Rai, La7, Infront e della presidenza del Consiglio, con le ipotesi di corruzione e appropriazione indebita.
GOLA PROFONDA L’indagato che ha deciso di collaborare con la procura di Roma ha fornito ai pm il codice sorgente, ossia la chiave di decriptazione per leggere i file sequestrati a giugno dalla Finanza. Documenti che contengono l’elenco delle mazzette pagate da Biancifiore ai dirigenti delle aziende in cambio delle commesse alle società dell’imprenditore. Non solo, il testimone-indagato ha anche rivelato agli inquirenti l’esistenza di 37 atti ispettivi interni alla Rai, relativi ad appalti, forniture e contratti per fiction e spettacoli. Le verifiche condotte dalla squadra dei 23 ispettori guidati da Gianfranco Cariola, responsabile internal audit Rai, avrebbero individuato parecchie criticità e anomalie. Nei mesi scorsi la procura aveva sollecitato la trasmissione di quegli atti, ma l’azienda aveva risposto che non esistevano atti ispettivi. Così lo scorso 7 ottobre, la Guardia di Finanza, con un ordine di esibizione firmato da Ielo, ha acquisito i 37 audit in Rai. L’inchiesta, che finora riguardava le regie mobili, l’impiego di gruppi elettrogeni e le commsesse per le luci, potrebbe allargarsi adesso agli altri settori.
LA RELAZIONE Era stata la Rai a consegnare ai pm la relazione ispettiva, che riguardava tra l’altro l’appalto da 400 mila euro per luci e audio dell’edizione 2013 di Sanremo. Le verifiche, relative al periodo 2010-2013, erano state concluse nel settembre di due anni fa. Il nucleo di polizia tributaria, comandato dal colonnello Cosimo Di Gesù, aveva poi verificato che le commesse, tante, per la fornitura di gruppi elettrogeni, scenografie, impianti audio e regie mobili, anche all’estero, risultate anomale ai commissari Rai, erano state affidate alla «Di and lighting and Truck» e «Dibi Technology» in cambio dell’assunzione di parenti, dell’acquisto di pianoforti, biglietti aerei e vacanze in resort a cinque stelle. Così dal 2009 i fratelli David e Danilo Biancifiori avrebbero ottenuto il monopolio delle gare nel loro settore. Con alcuni dipendenti di La7 e Mediaset si sarebbero accordati per emettere fatture false e dividere i compensi. La stessa logica sarebbe stata applicata anche quando, durante il governo Berlusconi, i Biancifiori vinto avevano vinto un appalto da 9 milioni di euro a Palazzo Chigi per l’assistenza, la manutenzione hardware e di personale specializzato delle tecnologie audio-video della presidenza del Consiglio dei ministri.
Tra gli indagati erano finiti i nomi di Roberto Gasparotti, già responsabile dell’immagine televisiva dell’alora premier, e Giovanni Mastropietro, allora direttore della fotografia dello stesso Cavaliere. Con Gasparotti, che avrebbe intascato le mazzete, i Brancifiori avrebbero addidittura scritto il capitolato dell’appalto in un ufficio della loro azienda. FONTE

Dai anche un’occhiata alle nostra pagina su Facebook  Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso un messaggio sulla nostra pagina Facebook, gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche  ore dal tuo invio!  Se ti è piaciuto l’articolo riportato, condividilo o lascia un commento, e facci sapere cosa ne pensi!  Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati.

Muratori Attenzione! Adriano puo’ costruire una casa in due giorni: più di 150 case all’anno. VIDEO:

Turbina eolica residenziale, silenziosa e ad alta efficienza, da installare sul tetto di casa, VIDEO:

Tetti verdi: La roof garden mania contagia anche Expo, VIDEO:

Il reddito di cittadinanza spiegato in 90 secondi (VIDEO):

Agricoltura naturale, il miglior metodo è il non far niente: ogni intervento umano è inutile, VIDEO:

Di Maio sul palco di Imola Reddito di cittadinanza, sempre dalla parte dei cittadini, VIDEO:

Imola 2015, Intervento di Beppe GRILLO: Pubblico letteralmente in delirio (VIDEO):

TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO: IN UNA CAPITALE EUROPEA E’ GIA’ REALTA’, VIDEO:

Comments are closed.


Get Widget