Grecia, Pensioni disordini e proteste degli agricoltori: il nuovo punto di infiammabilità della crisi in Grecia

proteste_agricoltoriSalonicco GRECIA 05/01/2016 – Gli agricoltori protestano i piani del governo per la riforma delle pensioni, minacciano di intensificare i loro blocchi di valichi di frontiera chiave, nodi stradali e aeroporti regionali da Sabato a mezzogiorno a meno che le autorità offrono concessioni alle loro richieste.

La decisione di intensificare le proteste è stato firmato dai rappresentanti di 62 blocchi seguenti sei ore di colloqui presso la sede del Comitato panellenica degli agricoltori e produttori di Katerini, vicino a Salonicco.

Giovedi ‘agricoltori sollevato la maggior parte dei loro blocchi stradali in Grecia continentale per consentire i manifestanti di viaggiare a anti-austerity radunato previsto in concomitanza con lo sciopero generale. Tuttavia, anche se le barricate a Tempe e Nikaia sono state revocate, un blocco al Istmo di Corinto è rimasta in vigore, causando disagi al traffico.

Perché le pensioni sono il nuovo punto di infiammabilità della crisi in Grecia
pensioners1_web-thumb-largeCombinando un invecchiamento della popolazione, una forza lavoro impoverito e le finanze in rosso porta, un sistema pensionistico di qualsiasi paese sarebbe nei guai. Il debito pubblico alle stelle, la disoccupazione, sono gli incubi che tormentano ancora la Grecia.

Orlata da una severa realtà economica parlando di creditori di salvataggio, il governo di sinistra guidato ad Atene sta ora tentando l’impossibile: riformare il sistema pensionistico senza tagliare le pensioni, in gran parte attraverso un forte aumento dei contributi previdenziali.

La revisione, che i creditori chiedono in cambio di prestiti di salvataggio, significa greci che hanno un lavoro – e che sono in inferiorità numerica dai disoccupati e pensionati – devono pagare per il resto.
I sindacati sono in armi circa il movimento, che è diventato il principale ostacolo nelle trattative della Grecia con i creditori europei e il Fondo monetario Internazionale.

I critici dicono che la riforma accumulerò il più dolore liberi professionisti e agricoltori, costringendoli a pagare fino a tre quarti del loro reddito in contributi pensionistici e le tasse. Essi avvertono la maggioranza sarà costretto a cambiare lavoro o di emigrare – accelerare il drenaggio del cervello il paese ha sofferto dopo la crisi iniziata nel 2010.

“Stiamo combattendo per la nostra stessa sopravvivenza”, ha dichiarato Georgios Stassinos, capo del sindacato più grandi ingegneri del paese. Se vengono adottate le riforme, ha detto, “il paese sarà lasciato senza ingegneri, medici, avvocati, farmacisti ed economisti”.

La testa di ordini degli avvocati della Grecia, Vassilios Alexandris, ha detto che il nuovo sistema ridurrebbe redditi netti alcuni avvocati a non più di 31 per cento di loro prese lordi, dall’attuale 46 per cento. “I professionisti non pagano i loro contributi (pensione), non per scelta, ma perché non saranno in grado di,” ha detto.

In città greche, un’ondata di proteste è diventato noto come la rivoluzione cravatta, da una serie di manifestazioni da parte di professionisti formalmente-vestite. Il malcontento è ancora più evidente nelle campagne, dove gli agricoltori hanno presidiato blocchi autostradali per oltre due settimane.

Costas Alexandris, un farmers ‘leader sindacale nella zona nord-orientale della Tracia, ha detto che si trova a pagare il 75 per cento del suo reddito in tasse e contributi prossimo anno sotto le proposte del governo, tra cui la tassazione sulle sovvenzioni e un salto di agricoltori contributi pensionistici da 7-28 per cento.

Ma se la Grecia vuole dare il suo sistema pensionistico vitale, ha poche opzioni.

i pensionati attuali hanno già visto le loro pensioni tagliati più volte nell’ambito dei programmi di austerità e dal 2009 l’età di pensionamento è stata sollevata da circa 62-67.

La Grecia ha il sesto più antica popolazione nel mondo, secondo i dati delle Nazioni Unite, e spende oltre il 16 per cento del PIL per le pensioni – al di sopra della media europea – dal 11,7 per cento del PIL prima della crisi finanziaria, come l’economia si è ridotta.

Su una popolazione di quasi 11 milioni, la Grecia ha 3,6 milioni di lavoratori – ma 2,66 milioni di pensionati e 1.2 milioni di disoccupati. La situazione potrà solo peggiorare nei prossimi anni, come le morti hanno superato le nascite dopo la crisi finanziaria scoppiata.

i governi passati addolciti elettori offrendo diritti alla pensione di massa per le persone che hanno contribuito poco al sistema, sono stati generosi di pensionamento anticipato e di cui le pensioni che erano a volte superiore a quello che pensionati guadagnato nel loro lavoro.

La pensione media è attualmente di circa 900 euro ($ 1.000), e un recente studio ha rilevato che le pensioni sono la principale fonte di reddito per il 52 per cento di tutte le famiglie greche – dal 40 per cento nel 2011.

In difesa delle riforme proposte, agricoltori avevano fino ad ora contribuito molto poco per le loro pensioni e dei contributi pensionistici sono in base al reddito dichiarato, che viene spesso sottovalutato in Grecia.

“Vogliamo un sistema pensionistico che non pone l’onere di sovvenzionare le pensioni di altre persone sui soliti vittime, lavoratori dipendenti,” ha detto il ministro del Lavoro George Katrougalos.

Il suo progetto coinvolgerebbe fusione di tutti i fondi pensione in uno con regole comuni per tutti, e fornendo una, pensione di base finanziata dallo Stato per tutti – 384 euro – che è integrato con i contributi. Katrougalos insiste pensioni di base correnti verranno toccati, mentre le pensioni future non cambieranno drasticamente in peggio.

Le proteste popolari contro il governo sono ironico, perché per anni come un piccolo partito di opposizione, il Syriza ora-governo è stato l’alfiere di manifestazioni contro la riforma delle pensioni. Il primo ministro Alexis Tsipras è stato eletto la prima volta sugli impegni per invertire l’austerità creditore-richiesta, ma è stato costretto in una inversione a U l’anno scorso dopo gli altri paesi europei hanno minacciato di cacciare la Grecia fuori dalla zona euro.

Le proposte di pensione, che i partiti di opposizione rifiutano, sono suscettibili di essere presentati questo mese al Parlamento, dove coalizione Tsipras ‘controlla solo una risicata maggioranza, 153 dei 300 seggi.

“Finora queste proteste non hanno minacciato la coesione del governo, ma questo non sarà sempre così”, ha detto Megan Greene, capo economista di Manulife Asset Management. “Il governo Tsipras ha poco spazio di manovra.”

L’ex ministro del lavoro Tassos Giannitsis, che ha tentato riforme radicali 15 anni fa, solo per essere sconfitto da una rivolta sindacale, sostiene che i problemi di pensione della Grecia innescato la crisi finanziaria del paese, in primo luogo da gonfiore dei deficit di bilancio prima del 2009.

“Fino a quando l’obiettivo è quello di evitare eventuali nuovi tagli (pensione), le persone che lavorano dovranno sacrificare molto di più rispetto alle generazioni precedenti, con i contributi più elevati o nuove tasse … e sopportare il peso del futuro rimborso dei pesanti debiti di il passato “, ha detto in una recente tavola rotonda. “Inoltre, non hanno alcuna certezza per quanto riguarda le loro pensioni future.” FONTE

CONTINUA A LEGGERE

Sguici anche sulla nostra pagina FB: Facebook  Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso un messaggio sulla nostra pagina Facebook, gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche  ore dal tuo invio!  Se ti è piaciuto l’articolo riportato, condividilo o lascia un commento, e facci sapere cosa ne pensi!  Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati.

Comments are closed.


Get Widget