Terremoto l’Aquila, spuntanoancora mazzette per la ricostruzione: sette arresti tra dirigenti, tecnici e imprenditori

terr13/10/2016 – Secondo gli inquirenti tra gli obiettivi degli indagati (ai domiciliari) c’erano anche i lavori per una scuola materna ed elementare. Le indagini hanno preso il via dalle dichiarazioni di un imprenditore che si è aggiudicato tre appalti nel Comune di Bussi sul Tirino per un valore di otto milioni di euro, a seguito di un arichiesta, da parte del direttore dei lavori, di una tangente del 12%

C’era anche la ricostruzione di una scuola materna ed elementare tra gli obiettivi del ‘Piano Abruzzo‘ per la gestione post-sisma del 2009 all’Aquila nei Comuni di Bussi sul Tirino (Pescara) e Bugnara (L’Aquila): sette persone tra pubblici ufficiali, tecnici progettisti ed imprenditori nei Comuni di Bussi sul Tirino, Pescara, Popoli, Perugia, Gubbio ed Assisi, sono finiti agli arresti domiciliari su disposizione del Gip del Tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea, per associazione a delinquere, corruzione, concussione, turbativa d’asta, falso in atto pubblico e induzione indebita a dare o promettere.

Le indagini, coordinate dal procuratore capo facente funzioni della Procura della Repubblica di Pescara, Cristina Tedeschini e dai sostituti procuratori Anna Rita Mantini e Mirvana Di Serio, hanno preso il via dalle dichiarazioni rese da un imprenditore umbro aggiudicatario di tre appalti per la ricostruzione degli aggregati edilizi del Comune di Bussi sul Tirino per un valore pari ad otto milioni di euro, a seguito di una richiesta, da parte del direttore dei lavori, di una tangente del 12% del valore degli appalti (corrispondente a 960mila euro), al fine di dividerla con altri tecnici coinvolti. – FONTE

CONTINUA A LEGGERE

Sguici anche sulla nostra pagina FB: Facebook  Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso un messaggio sulla nostra pagina Facebook, gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche  ore dal tuo invio!  Se ti è piaciuto l’articolo riportato, condividilo o lascia un commento, e facci sapere cosa ne pensi!  Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati.

Comments are closed.


Get Widget