Biglietto aereo a Poletti, per ‘andare a quel paese’, e mozione di sfiducia in Senato

poletti-64021/12/2016 – È stata depositata questa mattina al Senato una mozione di sfiducia nel confronti del ministro del lavoro Giuliano Poletti, firmata dai senatori di Sinistra Italiana, del M5S, della Lega e di alcuni senatori del Gruppo Misto. Lo rende noto un comunicato dell’ufficio stampa di Sinistra Italiana al Senato.

BEPPE GRILLO SUL LAVORO

Il ministro – si legge nella mozione “ha nelle ultime settimane dato riprova di un comportamento totalmente inadeguato al suo ruolo, esprimendosi in più di un’occasione con un linguaggio discutibile e opinioni del tutto inaccettabili”. In particolare la mozione di sfiducia ricorda la dichiarazione “inaccettabile e che compromette la libertà di voto dei cittadini” del Ministro Poletti sulla possibilità di evitare il referendum sul Jobs Act grazie allo scioglimento delle Camere e alla convocazione delle elezioni politiche, e le “affermazioni gravissime” dello stesso Ministro sui giovani italiani costretti a cercare lavoro all’estero.

Poletti alla Frutta: Criticato dai cittadini al supermercato davanti al banco frutta

Nella stessa giornata si è svolto un Flash-mob al Ministero del Lavoro a Roma da parte di decine di giovani per contestare le frasi di Poletti sui cervelli in fuga.
Giovani contestano davanti al Ministero con uno striscione in cui vi è scritto che gli regalano un biglietto aereo per ‘andare a quel paese’. In riferimento alla sua affermazione a riguardo ai centomila giovani che se ne sono andati dall’Italia per lavorare, aveva detto “Non è che qui sono rimasti 60 milioni di “pistola”. Conosco gente che è andata via e che è bene che stia dove è andata, perché sicuramente questo Paese non soffrirà a non averli più fra i piedi”.

Lavoro nero e Voucher fuori controllo

Affermazioni che hanno prodotto un vero e proprio polverone mediatico sul ministro emiliano, di cui sono state chieste anche le dimissioni da parte del M5S, di Sinistra Italiana ma perfino dai Giovani Democratici (ossia l’organizzazione giovanile del #Pd), e che lo porteranno a dover relazionare sul merito della vicenda all’aula del Senato il prossimo 10 gennaio.

Durante i vari interventi dei giovani davanti al Ministero è stato detto: “Siamo venuti a portare a Poletti un regalo di Natale, un biglietto di sola andata per andare a quel paese. I giovani italiani non ne possono più di lui e di questo Governo. Se la nostra generazione se ne va è perché qui non ci sono prospettive di lavorare. L’arroganza di questa classe dirigente è incredibile. Chi ancora non se n’è andato è spesso perché ha una famiglia che non può permettersi di mandarlo all’estero. L’unico che deve togliersi dai piedi è Poletti, il peggior ministro del Lavoro che questo Paese abbia avuto: con le sue politiche ha precarizzato ulteriormente il mercato del lavoro, e con lui tutto il Governo” #Lavoro giovani

CONTINUA A LEGGERE

Richiedi il tuo Apple iPhone 7 (128 GB) dal 11 novembre fino al 31 dicembre e ottenerLo garantito  Assicurare 50 pagamenti su:

Sguici anche sulla nostra pagina FB: Facebook  Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso un messaggio sulla nostra pagina Facebook, gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche  ore dal tuo invio!  Se ti è piaciuto l’articolo riportato, condividilo o lascia un commento, e facci sapere cosa ne pensi!  Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati.

Comments are closed.


Get Widget