Reggio Calabria, indagata presidente associazione antimafia: irregolarità nella gestione dei finanziamenti pubblici

29/03/2017 – La presidente dell’associazione nazionale antimafia ‘Riferimenti’, Adriana Musella, è indagata dalla Procura di Reggio Calabria. Al centro dell’inchiesta, condotta dalla guardia di finanza e coordinata dal procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni e dal pm Sara Amerio, ci sono alcune presunte irregolarità nella gestione dei finanziamenti pubblici concessi al coordinamento nazionale ‘Riferimenti’. In seguito a una richiesta di comparizione, lunedì pomeriggio la Musella è stata interrogata dai magistrati in merito ai contributi ricevuti dalla Regione, dalla Provincia di Reggio Calabria, ai fondi comunitari e a quelli del ministero dell’Istruzione. Tra il 2011 e il 2012, infatti, nelle casse dell’associazione sarebbero confluiti circa 400mila euro grazie pure a un protocollo da 130mila euro siglato nel dicembre 2010 tra il Consiglio regionale e Riferimenti. Soldi che erano stati spesi anche per retribuire familiari della presidente e per finanziare viaggi, ristoranti e acquisti.

Dalla contabilità dell’associazione, infatti, spuntano non solo convegni istituzionali, qualche incontro nelle scuole e “settimane bianche dell’antimafia” a Folgaria. Ci sono: 60mila euro di tipografia per la realizzazione di calendari e di un libro, 11mila euro per omaggi e addobbi floreali, 23 mila euro per le magliette distribuite durante la manifestazione “Gerbera Gialla” e quasi 5mila euro di targhe. Con i soldi della Regione, inoltre, sono state pagate 1.778 euro all’Apple Store di Roma, le bollette dei cellulari (5mila e 900 euro), quelle del telefono fisso (2mila euro) e dell’energia elettrica (844 euro). Addirittura 16mila euro, sono stati i compensi pagati da Riferimenti a Francesco Tortorella, di professione grafico e nella vita figlio di Adriana Musella. Infine, ci sono pranzi per 7mila e 200 euro di cui 2mila spesi alla Locanda di Molinara e 1.500 al ristorante “I Tre Farfalli” all’epoca di proprietà di Salvatore Neri, cognato della presidente Musella. La notizia di un’inchiesta nei confronti dell’associazione antimafia è stata pubblicata dal giornale locale Il Quotidiano del Sud e confermata stamattina dalla stessa Musella che su Facebook scrive: “È in atto un’indagine a mio carico”.

loading…



Per due volte, nel marzo 2016, la guardia di finanza si è presentata al Consiglio regionale per acquisire i documenti riguardanti i finanziamenti elargiti alle associazioni antimafia e le pezze giustificative delle elargizioni concesse dalla Regione per i progetti sulla legalità. Intervistata dal Quotidiano del Sud, la Musella ha dichiarato: “Sono stata io un anno fa, non avendo nulla da temere, a depositare tutti i documenti dell’associazione in Procura al fine di rispondere a notizie giornalistiche che ritenevo lesive della mia immagine. Sono stata convocata in Procura solo per qualche chiarimento e non mi è stata mossa alcuna contestazione di reato”.

Ancora non si conoscono i dettagli dell’inchiesta e, in particolare, le spese su cui i magistrati vogliono vederci chiaro. Il dato di fatto è che quella della Musella non è la prima associazione antimafia finita nel mirino della Procura della Repubblica di Reggio Calabria. Nel gennaio 2016, la presidente del movimento “Donne di San Luca” Rosy Canale è stata condannata per truffa a 4 anni di carcere dal Tribunale di Locri. Per lo stesso reato, qualche settimana fa il presidente del “Museo della ‘ndrangheta” Claudio La Camera è stato rinviato a giudizio e per lui presto inizierà il processo. – FONTE





CONTINUA A LEGGERE >>
Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere. Più persone stanno leggendo il nostre le nostre notizie selezionate dai maggiori media locali e internazionali, ma le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo mantenere la nostra rassegna stampa più aperta possibile. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto.
Diventa sostenitore L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook
Puoi farlo anche con una donazione tramite Paypal cliccando sul tasto: (Donazione Minima 5€), si accettano eventuali proposte di collaborazioni:





Comments are closed.


Get Widget