Paraguay, manifestanti danno fuoco al Parlamento per protesta, un morto

01/04/2017 – Esplode la rabbia contro la riforma costituzionale che autorizza la rielezione di presidenti ed ex presidenti. Cortei e scontri con la polizia. Un ragazzo colpito a morte

Almeno una persona è morta e una trentina sono rimaste ferite, alcune delle quali gravemente, nelle proteste esplose in Paraguay dopo l’approvazione in Senato di un controverso progetto di legge che consente la rielezione dei presidenti nel Paese.
Gli scontri tra polizia e manifestanti hanno avuto luogo dopo che un gruppo di persone ha fatto irruzione e appiccato il fuoco nella sede del Parlamento per protestare contro il voto in Senato per l’emendamento della Costituzione.
La polizia, in assetto antisommossa, ha aperto il fuoco nella sede del Partido Liberal Radical: alcuni dei presenti sono rimasti feriti, almeno uno è rimasto ucciso. Tra le persone coinvolte, ha aggiunto, c’è chi versa in gravi condizioni.
La protesta è esplosa dopo che una maggioranza di 25 senatori su 45 ha approvato l’emendamento alla Costituzione durante una seduta negli uffici del Senato. A un anno dalle elezioni presidenziali del 2018, la riforma dovrebbe consentire al presidente conservatore Horacio Cartes, al potere dal 2013, e all’ex presidente Fernando Lugo, di candidarsi per un nuovo mandato.
La Camera dei deputati, dove il governo gode di una larga maggioranza, dovrà approvare a sua volta la riforma della Costituzione ma il voto è stato rinviato a seguito delle tensioni delle ultime ore. In caso di approvazione da parte delle due Camere, il Tribunale elettorale dovrà convocare un referendum nell’arco di tre mesi.

DIVENTA FAN DI L’ONESTO

Comments are closed.


Get Widget