M5s, De Luca: “Con loro uso linea ‘cialtroneria zero’. Sono truffatori politici. Di Maio? Sterminatore di congiuntivi”

02/04/2017 – Filippica stizzita del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del suo consueto appuntamento settimanale su Lira Tv. Oggetto dell’invettiva: il M5S campano e quello nazionale. “Adesso bisogna farla finita” – dichiara De Luca, facendo riferimento alle manifestazioni di protesta del movimento di Grillo – “quindi, intendo inaugurare una nuova linea: quella della ‘cialtroneria zero’. Negli ultimi mesi si sono ripetuti episodi, che a me sembrano di squadrismo. Apriamo gli occhi, perché se affidiamo la speranza di rinnovare l’Italia a questi soggetti, ci facciamo male”. Il politico menziona lo scontro con il M5s dopo l’ultimo consiglio regionale, un episodio di contestazione al Consiglio Comunale di Castellamare di Stabia e infine la protesta dei pentastellati nell’Ufficio di presidenza della Camera per la bocciatura della loro proposta sulle pensioni dei parlamentari.

“Per sette anni” – continua – “abbiamo consentito a questo movimento di fare il proprio comodo senza reagire, come se l’Italia fosse ipnotizzata, addormentata, anestetizzata, perché abbiamo sempre immaginato di essere davanti a del folklore. Del resto, c’era un comico che li dirigeva. Coi loro Vaffa Day hanno coperto di improperi tutti con offese personali: Monti, Berlusconi, Napolitano. Hanno detto cose vergognose contro Maria Elena Boschi, la Boldrini, Bersani. E nessuno ha detto niente. Per me questa storia deve finire. Le regole devono essere fatte rispettare da tutti”. E aggiunge, riferendosi al deputato Luigi Di Maio : “Questi del M5S sono dei truffatori politici. Come è possibile fare una finta battaglia contro i vitalizi, che non ci sono, quando un noto webmaster del M5S guadagna 13mila euro netti al mese? E non c’è nessuno che gli dica: ‘Amico mio, ma chi vuoi prendere in giro?’. Questo webmaster si candida a essere presidente del Consiglio con questo curriculum. Titolo di studio? Sterminatore di congiuntivi. Che lavoro ha fatto? Niente. Che vuol fare da grande? Il presidente del Consiglio“. De Luca rincara: “L’ultima perla del webmaster è quella di aver confuso il sociologo Luciano Gallino con lo psicologo Gallini, che non esiste o sarà un allevatore di pollastri o di papere. E questo si candida a fare il presidente del Consiglio?”. E chiosa: “Nessuno sa che a gennaio la Regione ha approvato la legge che prevede che un consigliere regionale o un assessore possa rinunciare in tutto o in parte alla sua indennità. Ma nessuno del M5S ha fatto richiesta per rinunciare. Hanno detto per anni che parlamentari e consiglieri dovevano guadagnare al massimo 3mila euro. Io gli ho dato la possibilità di coprirsi di gloria. Ma nessuno l’ha colta” fonte
DIVENTA FAN DI L’ONESTO

Comments are closed.


Get Widget