Primo maggio di scontro e tensioni in tutta Europa. In Francia molotov contro le forze dell’ordine: grave un poliziotto

01/05/2017 – La festa dei lavoratori è stata celebrata in gran parte delle capitali del Vecchio continente, ma in molte città è stata occasione di tensioni tra manifestanti e forze dell’ordine. A cominciare da Parigi, dove tra quattro giorni si voterà per il ballottaggio delle elezioni presidenziali: durante la manifestazione dei sindacati cui hanno partecipato decine di migliaia di persone, un gruppo di un centinaio di persone incappucciate e con il volto coperto, si sono staccate dal corteo principale e hanno ingaggiato uno scontro con le forze dell’ordine.
Gli antagonisti, nei pressi di piazza della Bastiglia, hanno iniziato a lanciare oggetti, sassi e bottiglie molotov contro gli agenti in tenuta antisommossa che facevano scudo al resto del corteo e hanno fatto esplodere petardi e bombe carta. La polizia ha risposto lanciando lacrimogeni. La guerriglia urbana è durata circa un’ora. Scontri tra polizia e antagonisti anche nei pressi di place de la Nation. Il bilancio è di tre agenti feriti, di cui uno ricoverato con grave ustioni. Tensioni anche a Istanbul, dove oltre 200 persone sono state arrestate dalla polizia per aver tentato di manifestare nella centralissima piazza Taksim della città sul Bosforo. Manifestanti e rappresentanti dei sindacati hanno tentato di forzare il blocco che la polizia ha disposto intorno alla piazza, dopo che il prefetto di Istanbul avva vietato qualsiasi tipo di manifestazione in occasione della festa dei lavoratori. Due persone sono state arrestate per aver tentato di aprire uno striscione nell’area interdetta, altre due donne sono state fermate per aver tentato di scavalcare le transenne che cingono la piazza, un corteo di 30 persone è stato fermato da un cordone di polizia mentre marciava dal quartiere di Besiktas verso Taksim. Alcuni scontri si sono verificati in diverse arterie che conducono alla piazza: circa 300 dimostranti in corteo sono stati fermati con i proiettili di vernice sparati dalla polizia, diversi i fermati una volta che il corteo è stato disperso. Stessa sorte per un diverso e più piccolo corteo, che ha rifiutato di abbassare gli striscioni preparati in occasione della festa dei lavoratori.
loading…
Imponenti le misure di sicurezza poste in essere dalla prefettura della metropoli sul Bosforo: 30 mila agenti in servizio, chiuse quattro stazioni della metropolitana, le più vicine alla piazza, cosi come le due linee di funiculare che portano nel cuore della città e la metro. Le più importanti sigle sindacali turche hanno dirottato nel quartiere periferico di Bakirkoy le celebrazioni e le proteste, che riguardano sopratutto l’alta percentuale di disoccupati in Turchia, pari a circa il 13%. Una scelta fatta dopo che le manifestazioni a Taksim sono state vietate, lo scorso 24 aprile e dettata dall’intenzione di evitare scontri e violenze tra polizia e manifestanti. Piazza Taksim ha infatti assunto un significato simbolico dopo che, nel 1977, 34 persone caddero sotto i colpi di mitragliatrice sparati sulla folla dal terrazzo dell’Hotel Marmara. Una tragedia che ha fatto del primo maggio in Turchia un giorno di scontri, ripetutisi a cadenza annuale e spesso sfociati in episodi di violenza e un alto numero di fermi e arresti tra i manifestanti. Arresti e disordini anche in Russia: a San Pietroburgo 18 persone della comunità Lgbt sono state fermate mentre stavano protestando contro la perscuzione nei confronti degli omosessuali in cecenia. I manifestanti si sono sdraiati per terri, con il viso macchiato di vernice rossa sul volto e le bandiere arcobaleno per protestare contro il trattamento subito dagli omosessuali nelal Repubblica caucasica. Trattamento che ha sollevato una ondata di indignazione in tutto il mondo. “Diverse persone che hanno provocato disturbo all’ordine pubblico sono state detenute”, ha fattos apere una fonte di polizia. A fine marzo, una inchiesta del quotidiano indipendente Novaia Gazeta aveva rivelato la violazione dei diritti della comunità omosessuale in Cecenia da parte delle autorità. – FONTE Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com