Clamoroso, cinquanta euro a voto: in casa avevano 321 schede elettorali, tre persone arrestate nel Napoletano

11/06/2017 – Da trenta a cinquanta euro per ogni voto garantito al candidato indicato. Con l’obbligo di consegnare, alla banda che garantiva i soldi, la propria scheda elettorale. Per poi andarla a riprendere prima di recarsi al seggio per esprimere la preferenza. Ad organizzare il sistema di controllo del voto – a Sant’Antimo, comune della provincia di Napoli – tre persone: un pregiudicato 41enne e due incensurati di 54 e 24 anni, che avevano stabilito all’interno di un’abitazione la base operativa. Qui i carabinieri, richiamati da uno strano via-vai di gente, hanno fatto irruzione e trovato 321 schede elettorali. All’interno delle quali erano stati inseriti i fac-simile con l’indicazione di voto per un candidato.

loading…



Le testimonianze
I militari hanno contattato gli intestatari delle schede elettorali e, dopo averle restituite, hanno chiesto ai legittimi titolari se l’avessero smarrite o se davvero quei documenti fossero stati consegnati ai tre arrestati. Ed è bastato poco ai carabinieri per scoprire che il sistema di controllo del voto era stato architettato da tempo. Molti hanno ammesso di aver consegnato le schede elettorali in cambio della promessa di soldi, con l’obbligo di passare a riprendere il documento prima di andare a votare al seggio. Il candidato che avrebbe beneficiato di questo sistema è in lizza con una lista civica alle amministrative della città a nord di Napoli che ha 34mila abitanti.
Le reazioni
Il nome presente su quei fac simile è di un candidato consigliere di una lista di centrodestra, che fa riferimento al candidato sindaco Corrado Chiariello, sostenuto da Forza Italia, Nuovo Psi e liste civiche. Che ha avuto parole dure su quanto accaduto: «Gli arresti delle ultime ore per compravendita di schede elettorali denotano un modo di fare vergognoso e criminale che nulla ha a che fare con la politica – ha detto – un modo di fare delinquenziale, lontanissimo dalla mia idea di politica e di amministrazione della cosa pubblica. Ho massima fiducia nella magistratura e nelle forze dell’ordine, a cui chiedo un rapidissimo accertamento delle responsabilità. Perché accertare le responsabilità del singolo è fondamentale per non condannare in toto la politica, che per me da sempre è servizio ai cittadini.

I candidati a sindaco
Nonostante il blitz, a Sant’Antimo le operazioni di voto stanno proseguendo con regolarità nonostante la tensione sia notevolmente cresciuta. Gli elettori sono chiamati a scegliere il successo del sindaco Francesco Piemonte, espressione del centrodestra, che non si è ricandidato. In lizza ci sono sei candidati sindaco: Aurelio Russo (Pd più civiche), Nicola Chiantese (M5s), Corrado Chiariello (Fi, Nuovo Psi e civiche), Adriana Palladino (Udc), Giuseppe Italia (Dema e una civica), Salvatore Castiglione (Fdi più civica). – FONTE




Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget