A Chioggia pensano alla spiaggia fascista e non vedono le ”bombe” di gpl

16/07/2017 – Pensano alla spiaggia fascista e a Chioggia non vedono le “bombe”. Nel centro della città c’è un impianto-monstre di gpl: tre giganteschi siluri di 60 metri per 15, che hanno una potenza esplosiva di 54 chilotoni (la bomba di Hiroshima si fermava a 15) e potrebbero devastare la laguna. Sul caso indagano 4 pm.

Altro che spiaggia fascista. Il vero problema di Chioggia sono i «bomboloni», tre sonnolenti siluri di 60 metri per 15 adagiati al centro del Paese da giganteschi Enola Gay del mare provenienti dalla Sicilia: un impianto di Gpl , gas proano liquido- il più grande d’ Italia, tra i più grandi d’ Europa- da 3 milioni di euro creato nottetempo nelle afose giornate d’ agosto del 2016.

loading…



L’ impianto, nato dal nulla, è l’ ossessione degli abitatori della Laguna. Sdraiato accanto al Ponte Longo, l’ estrema propaggine dello struscio di corso del Popolo e a tre scuole di vario grado; infilato tra la Cattedrale e il Museo Civico, in testa alla strada che s’ infila nel cuore della città; stagliato accanto ad un pregiato allevamento di moleche – i «granchi molli» preferiti dal Doge-, l’ immenso deposito di gas, viene descritto in numeri urticanti.

Consta di 9000 metricubi di puro Gpl più 1500 di idrocarburi misti, la cui potenza esplosiva, nel raggio minimo di 5 chilometri è stata calcolata in 54 chilotoni (per dire, la bomba di Hiroshima si fermava a 15). «Tacagà!», è l’ espressione -poco raducibile- di dissenso che s’ eleva dalla calli della piccola Venzia.

Chioggia è seduta su una polveriera. L’ area dei “bomboloni”, Punta Colombi, era un sito portuale destinata al “bunkeraggio”, a semplice punto di rifornimento per natanti di gasolio. S’ è trasformata, nei mesi, per gli autoctoni, in un incubo. Prima il passaggio e il carico/ scarico di trenta gigantesche navi gasiere all’ anno, che in pieno centro, blocca il traffico e il commercio e ha riverberbi dannosi sulla viabilità della strada statale Romea.

Poi gli odoranti dei gas, assai nocivi, che possono scaricarsi nell’ aria. Poi i vigili del fuoco devono applicare la normativa Seveso 3, legge che prevede la necessità di evacuazione 2/3 volte l’ anno nonchè presidi h24 di “guardie dei fuochi” (con tutto il casino generato tra pescatori e commercianti).

Poi, secondo, alcuni rappresentanti delle forze dell’ ordine, il timore di essere bersagli di improvvisati terroristi: infatti basterebbe un’ esplosione per creare un epicentro infernale nel raggio di cinque chilometri quadrati, osservano. E, forse, non hanno tutti i torti. E, di prim’ acchito, pare che all’ infrastruttura manchi perfino il “Via” , la necessaria valutazione d’ impatto ambientale. E sembra che emergano palesi violazioni delle “Legge speciale per Venezia” , quella che prevede per la salvaguardia della gronda lagunare i progressii divieti di tutto ciò che sappia di idrocarburo. Pare.

Di contro, la Socogas, la società che ha innestato i bomboloni tra le chiappe della città, afferma di avere tutte le autorizzazioni in regola; ma i comitati Anti-Gpl, quelle autorizzazioni, non riescono a compulsarle. Certo è che la sovrintendenza, dell’ impianto, non è stata avvertita; ed ha emesso un’ ordinanza per la chiusura del cantiere. Il Tar, però l’ ha fatto riaprire, con soddisfazione della holding Costa Bioenergie.

I cittadini continuano a riversarsi nelle piazze e la protesta si coagula attorno ai comitati, non trovando sponda potente nel sindaco metropolitano Luigi Brugnaro e nel presidente del Veneto Luca Zaia. Il primo cittadino pentastallato Alessandro Ferro è solidale ma -diciamo- non fa fuoco e fiamme . Intanto, però, il procuratore capo Adelchi d’ Ippolito affida le indagini a quattro pm, dopo gli esposti di comitato e politici.


Francesca Crupi e Antonia Sartori lavorano sugli aspetti ambientali, Roberto Terzo su quelli autorizzativi. Massimo Michelozzi scandaglia le eventuali violazioni in materia urbanistica . Si ipotizza il disastro ambientale colposo, l’ abuso d’ ufficio e la violazione delle norme urbanistiche. Il braccio di ferro tra Socogas e cittadini arriva alla svolta con le indagini. Il bello è che nessuno sa come tutto sia iniziato. Tra i sindaci non sa molto – o forse sì- Giuseppe Casson, ex Dc e ed Pd, sbocciato da lista civica.

Forse più informato è Romano Tiozzo , centrodestra, cattolico vicino a Comunione e Liberazione; il quale, in tempi non troppo lontani, sosteneva la disponibilità di Chioggia alla candidatura a sito nucleare («Sisto fora co’ a ‘testa!» fu il commento del popolo). Il bello è che alla stampa nazionale i “bomboloni” non piacciono. Solo le Iene di Italiauno hanno martellato con servizi accorati quanto inascoltati dalle istituzioni. Che sono in imbarazzo. Il deputato Felice Casson, autoctono, sbircia il dossier e si mette «le mani nei capelli, non ci credevo». Neanch’ io.

di Francesco Specchia per “Libero quotidiano”

 

Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget