Berlusconi: Davigo al governo con l’M5S, Di Maio è solo il front man

15/10/2017 – Obiettivo governo. «Sono impegnato a Ischia a un convegno che ha un titolo assolutamente esplicito: siamo pronti a governare», ha detto Berlusconi in un video messaggio alla manifestazione di Forza Italia di Milano a sostegno del referendum per l’autonomia. «I cittadini lombardi, se vince il Sì, avranno come conseguenza di essere gravati di minori tasse. E questo non è poco», ha detto Berlusconi, garantendo l’impegno del suo partito nella campagna per il Sì al referendum. Il referendum, ha sottolineato Berlusconi, «nasce e si svolge nel pieno rispetto dell’unità nazionale, nel rispetto della costituzione e e delle leggi. E non è contro i cittadini di altre regioni, che sono nostri fratelli». Anzi, ha concluso, la richiesta di maggiori materie di competenza «è una richiesta che ogni Regione italiana potrebbe esprimere e va in direzione di quel federalismo che non indebolisce ma rafforza il Paese e che è nel nostro programma dal 1994».

loading…



Il premier non eletto. «Dobbiamo lavorare per arrivare ad essere la maggioranza che cambierà il Paese Italia e cambierà l’Europa. Con un presidente del Consiglio neppure eletto dal popolo l’Italia non vale nulla, vale zero. Abbiamo un compito pazzo ma esaltante. Chi ci crede combatte e supera tutti gli ostacoli e alla fine vince».

Impegno per il post-sisma. «Sono andato questa mattina a vedere le ferite di Ischia e mi sono rasserenato. Credo che tutte le 1800 persone che hanno perso la casa prima della primavera potranno averla. Con i due sindaci ho fatto un accordo, mi devono dare l’elenco di tutto ciò che serve per dare il via agli appalti e costruire le nuove case. Andrò personalmente dal Presidente del Consiglio e dai ministri interessati affinché procedano con dei provvedimenti immediati e sarò anche minaccioso perché attraverso i media faremo notare ogni giorno di ritardo che faranno nel fare ciò che è necessario fare». Così Berlusconi nel corso del suo intervento. «Ho visto la famiglia con i tre bambini che sono rimasti sotto le macerie – ha aggiunto – li ho baciati, accarezzati e ho promesso un solido aiuto, perché poi tutti parlano ma di aiuti veri pochi ne danno. Ho l’Iban di questa famiglia, io provvederò lunedì. Fatelo anche voi, vanno bene anche 5 euro».

Pensione alle mamme. «C’è chi lavora sempre, anche di sera, la notte, la domenica, d’estate. Sono le mamme, le nostre mamme che meritano una pensione per una vecchiaia serena e dignitosa» ha proseguito il leader di Fi, spiegando che i frutti dell«Albero delle libertà prevedono anche l’innalzamento delle pensioni minime e misure contro la povertà. Nel suo intervento l’ex premier ha annunciato che il programma di Forza Italia prevede inoltre la pensione minima a mille euro (per tredici mensilità) e un integrazione al reddito per i poveri che «sono un quarto degli italiani», mentre il reddito di cittadinanza «non è possibile».

Nodo intercettazioni. Tra i punti del programma elettorale di Silvio Berlusconi c’è anche «il cambiamento assoluto delle intercettazioni, prendendo a modello l’America». E poi c’è la giustizia con la «non appellabilità delle sentenze di assoluzione» e con il «basta ai processi infiniti perché il processo è già una pena».

Di Maio e Davigo. Luigi Di Maio «é un frontman» ma se M5S vincerà «vedrete che sarà Davigo che dirà ‘non volevo ma per amor di patria non posso tirarmi indietrò. Se sarà così io dall’Italia me ne vado». Così Silvio Berlusconi nel corso del suo intervento alla convention, ad Ischia, ‘Pronti a governarè Piercamillo Davigo, magistrato, per il Cav, «è un concentrato di odio invidia e rabbia, i suoi collaboratori dicono che non lo hanno mai visto sorridere». I «populisti» M5S nonostante «la dimostrazione di assoluta incapacità ancora oggi sono il primo partito che viene fuori dai sondaggi». «Questi signori hanno nel loro programma delle cose che non sono conosciute – ha detto dal palco – le ho sapute perché qualcuno di loro si è accorto che qualcosa non andava ed è venuto a raccontarmele». Tra queste cita l’imposta del 45% sulla successione, «l’imposta patrimoniale per chi ha più di 50mila euro del 12%, e poi hanno tradotto dal francese all’italiano le imposte sulla casa che sono le più esagerate e vogliono applicarle all’Italia. Spero che non si debba scappare dall’Italia a causa loro».



Ironia su Trump. Parla di Trump, ma per sottolineare «che noi guardiamo la moglie e la figlia». Cita Gheddafi, Berlusconi ad Ischia, e racconta nel corso del suo intervento, un aneddoto «per farvi ridere». «Sono andato nei centri di accoglienza e non ho visto il bidet – ha detto del palco di Ischia – ho detto che erano necessari e ho detto ‘voglio insegnare a questi scopatori libici che anche i preliminari sono importanti». E poi torna a raccontare barzellette: «Dio mi ha chiamato mi ha detto ‘la tua idea di trasformare il paradiso in una società per azioni e di quotarla in borsa mi è piaciuta moltissimo. C’è solo una cosa che non capisco, perché io dovrei fare il vice presidente». – FONTE

Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget