Bologna, ragazza denuncia violenza sessuale. Il parroco: “Ti sballi e dovrei provare pietà?”

09/11/2017 – “Tesoro mi dispiace ma 1) frequenti piazza Verdi (che è diventato il buco del cu*o di Bologna, e a tal proposito Merola sempre sia lodato!) 2) Ti ubriachi da far schifo! Ma perché? 3) E dopo la cavolata di ubriacarti con chi ti allontani? Con un magrebino? Notoriamente, soprattutto in piazza Verdi, veri gentleman, tutti liberi professionisti, insegnanti, gente di cultura, per bene. Adesso capisci che oltre agli alcolici ti eri già bevuta tutta la tirata ideologica sull’accogliamoli tutti?”.

loading…



A scrivere queste parole su Facebook – come riporta il sito di Radio Città del Capo – è don Lorenzo Guidotti, parroco di San Domenico Savio, quartiere San Donato. Il don è solito commentare sulla propria pagina tutto quello che succede in città, ha opinioni spesso sopra le righe e la cosa ha già scatenato frizioni con alcuni dei suoi parrocchiani.



Stavolta il commenta riguarda un articolo online del 6 novembre scorso dal titolo “Stuprata in un vagone alla stazione di Bologna”. Il caso è quello di una minorenne che ha raccontato alla polizia di essere stata violentata da un magrebino conosciuto in piazza Verdi, dopo aver bevuto parecchio. I due sarebbero poi arrivati insieme in stazione, dove la minore sostiene di aver subìto la violenza. Si sarebbe svegliata seminuda e senza più la borsa.


Questi i fatti, che hanno scatenato le ire del prete: “Tesoro a questo punto svegliarti semi-nuda è il minimo che ti possa accadere, mi dispiace ma, se nuoti nella vasca dei pirana non puoi lamentarti se quando esci ti manca un arto, cioè a me sembra di sognare! Ma dovrei provare pietà? No!”. E poi: “Chi sceglie la cultura dello sballo lasci che si divertano anche gli altri”. E che completa il suo post con una scritta in stampatello maiuscolo: “La dobbiamo piantare!! A voi giovani, ragazzi e ragazze: ma non lo vedete che vi fanno il lavaggio del cervello?!? Ve lo state facendo mettere in quel posto e dite pure grazie!”.

I contenuti pubblicati nella pagina social non sono accessibili a tutti gli utenti. “Etiamsi omnes, ego non! Anche se tutti, io no”, la citazione evangelica scelta in apertura. Come foto del profilo, un Lego vestito da soldato crociato. “Se qualcuno pensasse di trasformare la Chiesa cattolica in una delle tante Ong… se qualcuno pensasse di traghettare la Chiesa di Roma verso Lutero (…) beh, non avrebbe proprio capito nulla!”, un altro messaggio nella sua home page. – FONTE

Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget