Clamoroso. Svizzera, il Canton Ticino introduce un salario minimo da 3000 euro

10/11/2017 – Un salario minimo di poco superiore ai 19 franchi all’ora, che consentirà a un lavoratore di guadagnare non meno di 3000 euro mensili. Lo ha stabilito il Governo del Canton Ticino, dando seguito a un’iniziativa dei Verdi, appoggiata dai Socialisti e dalla Lega e accolta, nel 2015, secondo la formula referendaria, dal 54% dell’elettorato ticinese. L’intenzione dei promotori era quella di “salvare il lavoro in Ticino e lottare contro il dumping salariale”.

loading…



“Per la prima volta- esultò l’allora leader dei Verdi, Sergio Savoia -inseriamo, nella Costituzione, il diritto al salario dignitoso”. Si trattava, innanzitutto, di mettere ordine in un mercato del lavoro in cui, in quei settori in cui mancavano i contratti collettivi, approfittando della possibilità di far capo alla presenza dei frontalieri, imprenditori senza scrupoli arrivavano a erogare salari inaccettabili, per il costo della vita dei residenti. Il caso di un’azienda di trasporti di Stabio, vicino al confine, che pagava gli autisti frontalieri 500 euro in meno dei ticinesi.

L’esecutivo, già scettico due anni fa di fronte all’iniziativa dei Verdi, ha varato una legge d’applicazione che scontenta sia i promotori che il padronato. “Quasi il 94 % delle lavoratrici e dei lavoratori in Ticino- affermano la confindustria locale e la Camera di Commercio -percepisce già salari minimi superiori a quelli proposti dal Governo.” Alla fine, secondo i rappresentanti del mondo economico, il salario minimo riguarderà 9100 persone, di cui 6500 frontalieri. Mentre metterà in difficoltà “aziende, commerci, piccole attività artigianali che hanno margini di guadagno sensibilmente inferiori e che sono sottoposte a forte competitività”.



Dal canto loro i Verdi e i Socialisti non ci stanno, ritengono la cifra decisa dell’esecutivo troppo bassa e ricordano che il Ticino, che ricordano rimane “il Cantone con il più alto tasso di povertà della Svizzera”. Si gioca, per capirci, su una questione di spiccioli: contro i 19 franchi massimi l’ora, indicati dal Governo, se ne vorrebbero 20, come stabilito dal Cantone di Neuchâtel. In realtà, considerato che, secondo uno studio del Ministero svizzero dell’Economia, i frontalieri guadagnano, mediamente, il 25% in meno dei residenti, si può affermare che il salario minimo, stabilito dal Governo ticinese, mette un po’ di ordine, almeno, nella giungla dei salari, attenuando la contrapposizione tra chi vive e lavora in Ticino e chi, la sera, rientra in Italia. FONTE


Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget