Lo schifo di fine legislatura: per i dipendenti di Camera e Senato aumentano gli stipendi

05/01/2018 – Una volta mandato a casa questo Parlamento, per i dipendenti di Camera e Senato è tornata l’aria della pacchia. Negli ultimi tre anni, i poveri lavoratori dei due rami del Parlamento hanno dovuto stringere la cinghia, costretti a rispettare il tetto agli stipendi sui 240mila euro. Una riduzione per parecchi necessaria in virtù del “contributo di solidarietà” che ha colpito soprattutto i dipendenti con oltre 23 anni di anzianità.

loading…



Ma i tempi di magra per queste centinaia di assistenti parlamentari, segretari, documentaristi e funzionari è finito, gli stipendi sono tornati ai gloriosi fasti del 2014, dando così l’addio a quell’odioso tetto che di fatto colpiva più o meno la metà dei dipendenti parlamentari.

In soli tre anni lo Stato aveva risparmiato circa 24 milioni di euro, come riporta il Corriere, ma grazie alla valanga di oltre mille ricorsi alle commissioni interne (Camera e Senato agiscono in regime di autodichia, cioè fanno un po’ come vogliono da soli) le famiglie dei poveri dipendenti parlamentari non dovranno più affrontare i terribili sacrifici dei tempi più recenti. Una gran bella eredità lasciata dai presidenti Pietro Grasso e Laura Boldrini. FONTE





Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere. Più persone stanno leggendo il nostre le nostre notizie selezionate dai maggiori media locali e internazionali, ma le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo mantenere la nostra rassegna stampa più aperta possibile. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto.
Diventa sostenitore L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook
Puoi farlo anche con una donazione tramite Paypal cliccando sul tasto: (Donazione Minima 5€), si accettano eventuali proposte di collaborazioni:





Comments are closed.


Get Widget