Anche in Italia cresce la velocità di Internet

Anni di interventi infrastrutturali del Governo, investimenti delle aziende private e trasformazioni sociali stanno finalmente portando qualche frutto anche in Italia, dove a fine 2017 si segnala un incremento della velocità media delle connessioni a Internet. Siamo ancora lontani dalle performance degli altri Paesi europei, ma è comunque un segnale da salutare con ottimismo.

Passi in avanti. Per la precisione, secondo l’ultimo rapporto di SosTariffe la media delle connessioni Internet in Italia è aumentata del 67,7 per cento soltanto nell’ultimo anno, grazie in particolare all’adozione delle nuove tecnologie per accedere al Web, che hanno consentito di raddoppiare (anzi, più che raddoppiare) il numero di delle connessioni in banda ultralarga. Ad esempio, la fibra ottica è aumentata di 1,67 milioni di unità a livello nazionale, mentre il fixed wireless ha conquistato altre importanti quote di mercato, grazie anche alle proposte di Internet 100 Mega di Eolo, uno dei protagonisti di questa piccola rivoluzione.

Al Sud più veloci. Andando a guardare più nel dettaglio le prestazioni delle varie province italiane, si scopre che le aree più “innovative” e aperte ad adottare le linee veloci sono quelle del Sud: nella top ten nazionale, infatti, compaiono molte città meridionali, con un podio composto da Crotone, Ragusa e Vibo Valentia, che sono così incoronate le zone nelle quali si raggiungono le velocità maggiori di connessione al Web, con punte medie superiori a quelle registrate a Milano, che classicamente viene considerata la Capitale italiana dell’innovazione.

Pavia e Perugia tra i top. Il centro meneghino, in realtà, non risulta neppure la città più veloce del Nord: a detronizzare Milano è difatti Pavia, che conquista la palma di provincia settentrionale con la connessione media a Internet più rapida, con 23,1 Mbps riscontrati a fine 2017. Nella zona centrale d’Italia, infine, domina la provincia di Perugia, che nel corso del 2017 è arrivata a 18,47 Mbps in download.

Le province più veloci. Il rapporto del noto sito di comparazione tra tariffe consente anche di scoprire quali sono le prestazioni delle grandi province più popolate del Paese; in questo caso, Milano torna a occupare la prima posizione in termini di velocità media di Internet nel corso dell’anno 2017, con una media di 24,3 Mega in download che sono “sufficienti” a superare Bologna (medaglia d’argento con 21,3 Mbps) e Torino, che si assicura il bronzo con una velocità media di 19,5 Mbps. Dall’altra parte della classifica, in zona “retrocessione”, ci sono invece Cagliari, Roma e Bari, che si attestano intorno a una media di 15 Mega per secondo, che è poi anche il dato medio nazionale. 

Crescita per la fibra. Per quanto riguarda infine le dinamiche della sottoscrizione di abbonamenti alla fibra ottica, le percentuali maggiori di incremento anno su anno si segnalano a Bari, Cagliari, Napoli e Firenze, con aumenti che vanno dal 160 al 198 per cento; meno sensibile la crescita registrata a Milano, Torino e Bologna nell’ultimo anno (vicina comunque al 70 per cento), anche perché in questi territori questa tecnologia era già diffusa. A livello generale, comunque, le aree più popolose del Paese sono anche quelle in cui si concentra il maggior numero di utenti che hanno dichiarato di avere una connessione in fibra: Roma, Napoli, Milano e Torino, sono difatti le quattro province italiane dove sono si registrano più abbonamenti veloci a Internet.

CONTINUA A LEGGERE >>
Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere. Più persone stanno leggendo il nostre le nostre notizie selezionate dai maggiori media locali e internazionali, ma le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo mantenere la nostra rassegna stampa più aperta possibile. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto.
Diventa sostenitore L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook
Puoi farlo anche con una donazione tramite Paypal cliccando sul tasto: (Donazione Minima 5€), si accettano eventuali proposte di collaborazioni:


Comments are closed.


Get Widget