LA BOSCHI CANDIDATA NELLA PROVINCIA CHE LEI STESSA VOLEVA ABOLIRE. SEMBRA INCREDIBILE E INVECE E’ SOLO IL PD

26/01/2018 – Correva l’anno 2014 quando l’allora Ministro Maria Elena Boschi dichiarò candidamente: «Non è il momento propizio, ma sarei favorevole alla soppressione delle autonomie speciali»

Il palco era quello della tradizionale Leopolda renziana. E del resto anche il “nume tutelare” della Boschi medesima, tal Renzi Matteo, nel suo libro “Stil Novo” scriveva già nel 2012: “Ci vuole una cura radicale per risolvere il problema… Via le province, trasformate in enti di secondo livello e via le regioni a statuto speciale».

loading…



La verità però è davanti agli occhi di tutti, basta leggerla. Già nella tanto decantata “riforma Boschi” poi bocciata dal referendum l’autonomia era messa a rischio. Pur essendo il testo un guazzabuglio a tratti incomprensibile, all’art.39 era infatti spiegato chiaramente che la riforma non si applica alle Autonomie Speciali solo fino all’approvazione dei nuovi Statuti. Quindi poi si applica e il come lo hanno già spiegato proprio Renzi e la Boschi, la si elimina.

È quanto mai contraddittorio che la ministra che più di ogni altro ha cercato di svuotare o sospendere la nostra autonomia venga candidata in una regione che da sempre è la vera culla dell’autonomia.

È chiaro che Maria Elena Renzi è stata “paracadutata” a Bolzano perché personaggio ingombrante. Il PD e Renzi ritengono il collegio di Bolzano sicuro per lei. visto il forte il patto tra dem e Svp. Ora la «palla» passerà agli elettori di Bolzano che dovranno scegliere se votarla o meno.



A Bolzano, nell’uninominale, se la vedrà con Michaela Biancofiore, candidata di Forza Italia e zarina di Silvio Berlusconi in regione. FONTE

CONTINUA A LEGGERE >>
Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere. Più persone stanno leggendo il nostre le nostre notizie selezionate dai maggiori media locali e internazionali, ma le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo mantenere la nostra rassegna stampa più aperta possibile. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto.
Diventa sostenitore L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook
Puoi farlo anche con una donazione tramite Paypal cliccando sul tasto: (Donazione Minima 5€), si accettano eventuali proposte di collaborazioni:





Comments are closed.


Get Widget