Migranti, l’armatore sbugiarda la sinistra: “Ecco cos’è successo su Asso 28”

01/08/2018 – Quando i contorni della vicenda sono ancora confusi, Repubblica e il deputato di Leu Nicola Fratoianni già parlano di evidente “violazione del diritto internazionale”. L’accusa, ovviamente, è diretta a Matteo Salvini e al governo italiano competente sulle operazioni di ricerca e soccorso in mare. È il primo pomeriggio di ieri quando la nave Asso Ventotto recupera in mare un centinaio di migranti e li riporta in Libia: dopo poche ore La Stampa parla subito del primo “respingimento” dell’era giallo-verde, anche se i fatti dimostreranno che il Belpaese non ha avuto alcun ruolo nell’operazione. Se non per il fatto che l’imbarcazione al centro della bufera batte bandiera italiana.

Andiamo con ordine. La notizia della nave nostrana diretta verso Tripoli con un carico di immigrati inizia a trapelare nella tarda serata di ieri. È il deputato di sinistra, che in queste ore è a bordo della Ong Open Arms, a rivelare che “uno dei gommoni segnalati oggi dalla Guardia Costiera italiana con 108 persone a bordo nel Mediterraneo è stato soccorso dalla Nave Asso Ventotto, battente bandiera italiana, che si sta dirigendo verso Tripoli”.

La patata è bollente. Come noto, infatti, l’Italia è stata condannata in passato per aver “respinto” in Libia dei migranti prima di valutarne le richieste di asilo. Il Belpaese non può portare gli immigrati in Africa per due ordini di motivi: primo, se su un barcone c’è la sola possibilità che ci sia un rifugiato in fuga dalle guerre, la legge ci impone di farci carico di tutti i clandestini, valutare le loro richieste di asilo e (eventualmente) espellere chi non ne ha diritto; secondo, l’Europa non considera la Libia un porto sicuro dove sbarcare i migranti.

loading…



Ecco perché Fratoianni nel suo comunicato di ieri sera sosteneva che “se questa operazione avviene su indicazione della Guardia Costiera Italiana” allora si tratta di “un precedente gravissimo, un vero e proprio respingimento collettivo di cui l’Italia ed il comandante della nave risponderanno davanti ad un tribunale”.

La versione di Leu (e della Ong), però, è stata smentita oggi dal ministro dell’Interno (“sono mal informati”), da Danilo Toninelli (“non abbiamo ricevuto richieste”) e dalla Guardia costiera italiana (“l’intera operazione è stata diretta dalle autorità libiche”). Direte: sono parti in causa e non erano sul posto. Vero. La questione del “chi ha coordinato le operazioni” è dirimente: se la Asso Ventotto si fosse rivolta alla Marina italiana per guidare la missione di recupero, allora Roma non avrebbe potuto rimandare i migranti a Tripoli. Ma (checché ne dica Fratoianni) non è così che è andata. E a confermarlo sono l’Eni (che smentisce “categoricamente” il deputato) e l’armatore della nave “incriminata”.

In un comunicato, la società Augusta Offshore ha infatti spiegato nel dettaglio le fasi del soccorso. Alle 14.30 (ora italiana) “la Asso Ventotto era in assistenza alla piattaforma di estrazione ‘Sabratah’ della Mellita Oli & Ga” quando ha ricevuto “istruzioni dal Marine Dept. di Sabratah di procedere in direzione di un gommone avvistato a circa 1.5 miglia sud est dalla piattaforma, dopo aver imbarcato Rappresentanti dell’Authority libica sulla piattaforma stessa”. Quando alle 15.30 la nave italiana ha incrociato il gommone, ha dato il via alle operazioni di recupero secondo le “istruzioni del rappresentante” libico. Poi, intorno alle 16.45, si è diretta verso l’Africa. “Dopo il completamento delle operazioni di recupero – si legge nel comunicato – una motovedetta della Coast Guard libica si è affiancata all’Asso Ventotto, informando il comandante che sarebbe stato scortato fino al porto di Tripoli” dove è arrivata intorno alle 21.00 ed è entrata in porto. A quel punto i migranti sono stati trasbordati su un battello della Marina libica senza che si verificassero “incidenti o proteste”.

Non è la prima volta che le navi della Augusta Offshore vengono coinvolte in operazioni di salvataggio. Solo che fino a pochi mesi fa a coordinarle era l’Mrcc di Roma. Ora Salvini spinge affinché sia Tripoli a gestire il tratto di mare di fronte alle sue coste. E le cose stanno cambiando. I migranti, infatti, preferiscono andare in Spagna oppure sono costretti a tornare in Libia. Con buona pace di Ong (e Leu). – FONTE
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Più persone stanno leggendo il nostre le nostre notizie selezionate dai maggiori media locali e internazionali, ma non riceviamo alcuna forma di sostegno economico. Vogliamo mantenere la nostra rassegna stampa più aperta possibile. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget