Palermo, i senzacasa occupano gli appartamenti confiscati e assegnati ai rom dal Comune

10/08/2018 – Sei famiglie palermitane, con bambini al seguito, hanno occupato in queste ore le case di via Felice Emma confiscate alla mafia e che il Comune aveva destinato ai rom rimasti senza un tetto dopo gli interventi al campo nomadi della Favorita.

I residenti della zona, che si trova dalle parti di via Altofonte, continuano a presidiare la strada, perché non vogliono che i nomadi vadano ad abitare nella loro zona.
I cittadini di via Felice Emma sostengono che la loro strada è privata e da anni l’amministrazione comunale si disinteressa di quella zona: “Non c’è illuminazione stradale, non viene nessuno a pulire la via, nessuno che abbia mai fatto la manutenzione di strade e marciapiedi – spiega una cittadina –. Invece da ieri vediamo gli operai di Amap, Amg, Rap e Reset al lavoro per rendere agibile la zona dove dovrebbero arrivare i rom. Nessun rappresentante delle istituzioni cittadine ci ha avvertito che queste famiglie dovevano venire ad abitare in via Felice Emma. Questa mattina noi stiamo appoggiando le famiglie di palermitani senza casa che hanno occupato gli immobili destinati ad altri. Noi non siamo razzisti, ma è un abuso non pensare prima ai tanti palermitani senzatetto”.

Anche il gruppo politico “Diventerà bellissima” di Palermo sta sostenendo i residenti di via Felice Emma. Il rappresentante, Eduardo De Filippis, spiega: “Non capiamo come il Comune di Palermo abbia risolto in 15 giorni l’emergenza abitativa delle famiglie rom e non abbia pensato prima alle tantissime famiglie di palermitani che dormono in auto o nelle roulotte. II Comune di Palermo sta usando 930 mila euro dei fondi europei Pon Metro per rendere agibili le case confiscate alla mafia, non risolvendo però il problema alla base. Io farò un’interpellanza al Comune per capire con quali criteri vengono assegnati questi beni confiscati alla mafia”.

loading…



Mentre…”L’amministrazione comunale presenterà insieme al comando di Polizia municipale un esposto alla Procura, affinché siano individuati e sanzionati coloro che compiono o favoriscono atti violenti ed illegali che potrebbero impedire l’attuazione di un provvedimento disposto dalla Magistratura, con riferimento alla dismissione del campo nomadi della Favorita”.

A dirlo è il sindaco di Palermo Leoluca Orlando dopo l’occupazione delle case di via Felice Emma a Palermo. Sei famiglie palermitane, con bambini al seguito, hanno fatto irruzione negli appartamenti confiscati alla mafia e che il Comune aveva destinato ai rom rimasti senza un tetto. I residenti della zona, che si trova dalle parti di via Altofonte, continuano a presidiare la strada, perché non vogliono che i nomadi vadano ad abitare nella loro zona.

“Il piano di dismissione proseguirà nei prossimi giorni secondo il crono-programma che è stato illustrato al Consiglio comunale e comunicato alle competenti Autorità”, aggiunge Orlando che, nel contempo, esprime “apprezzamento e condivisione di impegno per tutti gli uffici dell’amministrazione che stanno operando per attuare quanto previsto dal provvedimento del Tribunale, nel rispetto dei regolamenti comunali in materia”. – FONTE
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Più persone stanno leggendo il nostre le nostre notizie selezionate dai maggiori media locali e internazionali, ma non riceviamo alcuna forma di sostegno economico. Vogliamo mantenere la nostra rassegna stampa più aperta possibile. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


Get Widget