Il partito islamico preoccupa il Belgio: “Non c’è parità tra uomo e donna” [VIDEO]

10/10/2018 – “Se c’è parità tra uomo e donna? No, non c’è”. Davanti a un caffè – e davanti a una donna – il vice-presidente del partito Islam, Talal Magri, non si fa problemi a dire come la pensa. Non fa nemmeno tanti giri di parole. La parità tra uomo e donna, per lui e per loro, non esiste. Punto. Siamo a Bruxelles, cuore pulsante dell’Unione europea.

Quando entro nel locale, i due esponenti del partito – uno corre per le elezioni comunali del 14 ottobre e l’altro per le Europee – si alzano per accogliermi. La mano, però, non me la stringono. Ci sediamo e mi raccontano qual è la linea politica del loro movimento. “Non ho paura a dire che vogliamo instaurare la sharia, qui, in Belgio”, afferma il presidente Abdelhay Bakkali Tahiri.

loading…



Continuiamo a parlare e, senza neanche il bisogno di virare sull’argomento, finiamo sul tema della parità di genere. “Non c’è parità tra uomo e donna. Non ci credo a questo”, afferma Magri. “Credo però alla giustizia tra uomo e donna”, precisa. Poi, guardandomi dritto negli occhi, mi chiede come per giustificare il suo punto di vista: “Pensa di poter correre come corre un uomo?”. Un’uscita che non merita nemmeno di essere commentata. A questo punto, nel discorso interviene Tahiri. Con alcuni riferimenti filosofici, spiega che secondo la loro cultura non solo non esiste la parità di genere, ma non esiste nemmeno quella tra donna e moglie. “Un conto è essere una moglie e un conto è essere una donna. Non tutte le donne sono mogli. E chi non lo è, rimane una donna”.

Qualche mese fa, inoltre, aveva fatto scandalo il fondatore del partito e consigliere comunale a Anderlecht (Bruxelles), Redouane Ahrouch. Durante una programma sulla campagna elettorale trasmesso dalla rete belga Rtl si era rifiutato di guardare negli occhi una giornalista. “Non guardate la signora Praet mentre vi parla?”, gli aveva chiesto il presentatore. La sua risposta? “No, la ascolto”. La giornalista, naturalmente, si era sentita molto offesa. Ma non finisce qua. Nella stessa occasione, Ahrouch si rifiutò di farsi truccare da una donna dello studio e di stringere le mani alle candidate sul posto.

Torniamo al presente. Il leader del partito Islam, poi, parla di alcune proposte del loro movimento. Nel progetto, infatti, non manca l’intenzione di segregare le donne nei mezzi pubblici. “Ci sono tante denunce per molestie, per questo bisognerebbe sistemare le donne in bus speciali riservati”, conclude. [FONTE]

CONTINUA A LEGGERE >>


Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


Get Widget