Nuova scoperta a Pompei: trovata incisione che farà riscrivere i libri di storia, cambia la data dell’eruzione del Vesuvio

17/10/2018 – “Una sensazionale scoperta che farà riscrivere i libri di storia”. Così il ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli di fronte al ritrovamento di un’incisione che cambia la storia della città di Pompei. Durante gli scavi nella Regio V è stata trovata, infatti, un’iscrizione a carboncino che data la distruzione dell’antica città romana in ottobre e non più, come si è sempre pensato, in agosto. La scritta segna il sedicesimo giorno prima della calende di novembre, ovvero, il 17 ottobre. Trattandosi di carboncino, un materiale fragile, non avrebbe potuto resistere per un lungo periodo e quindi è probabile che la testimonianza sia stata scritta pochi giorni prima della eruzione del 79 d.C.

loading…



L’eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei? Forse non fu nell’agosto del 79 d.C. ma nell’ottobre seguente. Gli storici avevano già qualche dubbio, ma un’iscrizione a carboncino ritrovata nella Regio V di Pompei sembra andare a supporto della teoria.

La scritta infatti porta la data del sedicesimo giorno prima delle calende di novembre, corrispondente al 17 ottobre. L’iscrizione appare in un ambiente di una casa che al momento della distruzione era in corso di ristrutturazione, a differenza del resto delle stanze già completamente rinnovate.

L’anno non è indicato, ma trattandosi di un carboncino, pigmento fragile ed evanescente che non avrebbe potuto resistere a lungo nel tempo, appare logicamente probabile che si tratti dell’ottobre del 79 d.C., una settimana prima della grande catastrofe che sarebbe, secondo questa ipotesi, avvenuta il 24 ottobre.

Il direttore generale di Pompei Massimo Osanna osserva che molto probabilmente la frase sia di “un operaio buontempone” che ha vergato la scritta “sul muro di una stanza inristrutturazione”, all’interno di una frase scherzosa”. E aggiunge: “È un pezzo straordinario di Pompei datare finalmente in maniera sicura l’eruzione. Già nell’Ottocento un calco di un ramo che fa bacche in autunno aveva fatto riflettere, oltre al rinvenimento di melograni e di bracieri”. [Avvenire.it]
CONTINUA A LEGGERE >>


Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget