Le balle che Saviano ha lasciato dire in tv al boss della mafia [VIDEO]

17/11/2018 – Sono l’uno davanti all’altro. L’ex boss di profilo, un po’ in penombra. Lui, invece, a favore di camera, da vero protagonista, mentre si beve il romanzo criminale infarcito di aneddoti fighissimi ma fantasiosi propinati da Felice Maniero, l’ideatore e capo indiscusso della mala del Brenta, evaso da due carceri di massima sicurezza, condannato per associazione mafiosa e per diversi omicidi. Roberto Saviano ha dedicato il primo appuntamento della seconda stagione di Kings of crime (andato in onda mercoledì su Nove) al faccia a faccia con Faccia d’angelo (così Maniero era soprannominato ai tempi in cui imperversava).

A Maniero sono stati dedicati film e recentissime fiction e la sua biografia, quindi, è un po’ bollita. E allora, per rinnovare lo spettacolo, c’era bisogno più che di una intervista, di un’interpretazione di Maniero alla Saviano. E forse è per questo l’ex boss è finito sullo sfondo. La savianata andata in onda non è passata inosservata. E una memoria storica della mala del Brenta, il cronista del Gazzettino di Venezia Maurizio Dianese, che Maniero l’ha intervistato più volte, ha seguito le indagini e i processi e su di lui ha scritto libri e fornito consulenze perla fiction tv, ha sottolineato con la penna rossa più di una balla tirata fuori dal boss e recepita da Saviano come verità.

«È riuscito a raccontarsi come un bravo ragazzo che apre la piscina della sua abitazione ai ragazzini di Campolongo Maggiore e regala salumi e formaggi, rubati, ai coreani (cioè ai poveri che abitavano nei quartieri popolari che negli anni Cinquanta erano soprannominati Corea)». L’ex boss, insomma, grazie al Saviano show, è apparso credibile anche quando le ha sparate grosse. E tra le panzane c’è questa: «Mia mamma non ha mai voluto nemmeno un anellino. Andavo da lei con scatole piene di gioielli e lei mi diceva di andar via, non voleva neppure guardarli». E Dianese ha annotato: «Non avrà guardato gli anellini, Lucia Carrain, ma ha sicuramente contato uno ad uno i miliardi di lire (almeno 100, cioè 50 milioni di euro) che le sono passati per le mani e che la mammina santa doveva pur immaginare che arrivavano dalle rapine e dallo spaccio di droga, no? E an- che se non si vuole arrivare a dire che era addirittura la capobanda, come sostiene da sempre il giudice Francesco Saverio Pavone, di certo mamma Lucia era parte integrante della mafia del Brenta».

loading…



Nella sfilza di bugie e di mezze verità che Maniero inanella per apparire figo e per nascondere la faccia da feroce criminale, c’è la fuga dalla cella di Fossombrone. Dice di aver fatto tutto lui. Ma al cronista non è sfuggito che il racconto di quell’impresa, consacrato in atti giudiziari, lo aveva fatto il brigatista rosso Giuseppe Di Cecco, che è evaso con lui: «Arrivo alla conclusione che sotto il carcere c’è una struttura antica che vale la pena di sondare… faccio una verifica, faccio lo studio della planimetria e vedo che c’è uno sbocco che dà sul fiume».

Una versione confermata dallo stesso Maniero in un verbale del 1995. Ma Maniero confessa a Saviano solo ciò che vuole. E così, sottolinea Dianese, ammette di essere stato condannato a 17 anni per lo spaccio (1.000 chili di eroina e altrettanti di cocaina tra il 1980 e il 1995), per le rapine (qualche centinaio per un equivalente di 50 miliardi di lire) e sette omicidi, «ma nulla dice sugli altri 17 morti ammazzati che la sua banda ha sulla coscienza». Soprattutto, però, Saviano permette che salti ampi passaggi sulla morte di Cristina Pavesi, la studentessa uccisa durante la rapina al treno di Vigonza nel 1990, l’unico omicidio per il quale ha chiesto scusa in diretta alla famiglia.

«Avevo anche proposto un risarcimento, ma non mi hanno mai risposto», ha detto Faccia d’angelo. E Dianese evidenzia: «Maniero è il principale responsabile della morte di Cristina perché era stato avvertito che sul binario accanto era fermo un treno passeggeri. Cristina Pavesi sarebbe ancora viva se Maniero non fosse (stato) quel bandito feroce e sanguinario che l’intervista tv non lascia nemmeno immaginare e che dunque è l’ennesimo mattoncino nella costruzione del mito di Felice Maniero, oggi gran lavoratore». Che ama ripetere: «Lavoro dalla mattina alla sera e mi piace».

Al contrario di Saviano che, come hanno sottolineato Giacomo Amadori e Simone Di Meo in un servizio pubblicato questa settimana da Panorama, è allergico alla parte più impegnativa del lavoro giornalistico: la verifica: «È il suo metodo», scrivono Amadori e Di Meo, «quello che gli consente di superare di slancio le faticose verifiche del giornalismo d’inchiesta. Ma guai a dirlo. «Se mettete in dubbio la mia credibilità, mi consegnate ai killer», è il suo ricatto morale. Nel frattempo, però, si beve le fandonie dei criminali. – di FABIO AMENDOLARA – LaVerità 17.11.2018
CONTINUA A LEGGERE >>


Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget