Caso Regeni, Fico: “Camera compatta su stop a rapporti con Egitto. Sì Global compact, no dl Sicurezza, scontro con Salvini”

01/12/2018 – Sì al Global compact, il documento dell’Onu sull’immigrazione, no al Decreto legge sicurezza. Parlando con i giornalisti a margine di un convegno all’Accademia dei Lincei, il presidente della Camera, Roberto Fico mette in chiaro la sua linea, facendo innervosire il leader della Lega.Al momento del voto in aula mercoledì 28 novembre, infatti, il rappresentante dell’ala ortodossa del Movimento 5 stelle, era “assente ingiustificato”, come altri 8 deputati pentastellati contrari alla legge fortemente voluta da Matteo Salvini:“È stata interpretata bene, è una presa di distanza”, ha detto Fico. “Io sono il presidente della Camera, rispetto fino in fondo il mio ruolo, i diritti di maggioranza e opposizione, mando avanti i provvedimenti che arrivano in aula con la collaborazione di tutti i capigruppo.

loading…



E rimango fedele al mio ruolo istituzionale. Se poi parliamo del merito del decreto dopo che è passato quello è un altro discorso”, ha aggiunto.Scatta subito un botta e risposta a distanza, con Salvini che dice a Fico di non aver letto bene il decreto e la terza carica dello Stato che risponde di averlo letto eccome. Non basta. Sempre dopo che in aula il 29 novembre, il leader della Lega aveva annunciato il suo no al Global compact e annullato la partecipazione dell’Italia alla riunione dell’Onu per sottoscrivere il documento il 10 e 11 dicembre a Marrakesh, Fico ha sottolineato che il documento va firmato:“Secondo me assolutamente sì. Ma invito tutti prima di parlare – ha aggiunto – di leggere bene il testo, di approfondirlo perché se si legge bene il testo si tratta di una gestione globale fatta con gli altri paesi quindi un affermazione del multilateralismo sull immigrazione. Quindi serve all Italia a non isolarsi, a non rimanere sola con la questione migranti”, ha concluso la terza carica dello Stato.

Certo, probabilmente non è colpa sua, perché è certo che la sua poltrona a Montecitorio non porta benissimo (Fini e Boldrini insegnano) ma sostituirsi al ministro degli Esteri per condannare l’Egitto sul caso Regeni, o provocare Salvini giustificando l’assenza al voto sul decreto sicurezza, sono colpi bassi alla compattezza del Movimento, tra l’altro mentre il leader è sotto attacco per la sfacciata vicenda delle attività private del padre. Fico sa bene, come lo sanno i cosiddetti dissidenti, che il 95% della base grilina ha dato un mandato a governare con la Lega, non a litigarci. Ignorare tutto questo, appellandosi alla sacrosanta libertà di ciascuno, significa prendere in giro gli elettori e soprattutto mettere in bilico tutto il lavoro fatto dal primo giorno di vita dei Cinque Stelle, perché i flussi elettorali non sono stati mai tanto liquidi, e ci vuole un attimo a finire dalle stelle alle stalle. Il VIDEO:
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget