Baglioni si schiera con i migranti la direttrice di Rai 1 lo liquida: mai più all’Ariston se ci sono io

13/01/2019 – Giornata non facile per il direttore di Raiuno Teresa De Santis. Che arriva dopo un mese non facile fatto di palinsesti saltati e di buchi da coprire. Oltretutto, il guaio accade per un Festival non deciso da lei, non organizzato da lei, eredità che le arriva dalla precedente gestione e che, come le altre, avrebbe cortesemente rifiutato. Di sicuro, dicono le persone a lei vicine, l’ipotesi di un Baglioni Ter che l’artista aveva caldeggiato, cade miseramente nel vuoto.
Lo sfogo di Teresa De Santis: ‘Baglioni ha fatto il solito comizio’
Dunque, se il retroscena fornito da La Stampa dovesse rivelarsi veritiero (così come traspare dalla non smentita della diretta interessata), la nuova direttrice di Rai 1, Teresa De Santis – presente accanto a Claudio Baglioni durante la tanto discussa la conferenza stampa di presentazione del Festival di Sanremo – avrebbe lanciato un minaccioso ultimatum nei confronti del cantautore. “Mai più Baglioni all’Ariston se ci sono io”, queste sue parole testuali riportate dal quotidiano torinese. Insomma, nel 2020, la terza condizione consecutiva di Claudio Baglioni appare ormai come una chimera.

La lettera della direttrice di Rai 1 a Dagospia
Le intenzioni bellicose di Teresa De Santis vengono confermate da lei stessa con una breve missiva inviata al blog scandalistico, ma super informato, Dagospia. Nella lettera a Roberto D’Agostino, la direttrice di Rai 1 usa un tono colloquiale per difendere le sue ragioni. “Caro Dago”, scrive per spiegare la sua scelta di “lavorare in silenzio” dal momento in cui è stata chiamata a coprire questo importante ruolo. Un silenzio durato però fino all’intemerata pronunciata da Claudio Baglioni. La De Santis lascia intendere di non essere assolutamente d’accordo con i palinsesti Rai, peraltro già approvati prima del suo arrivo a viale Mazzini. Per quanto riguarda la conferenza stampa della discordia su Sanremo, per lei si tratterebbe solo di “canzonette”, di una “settimana di svago e spettacolo nazionale”, trasformata però nel “solito comizio”, anche se, prova a smorzare i toni, “non solo per responsabilità di Claudio Baglioni”.

loading…



Claudio Baglioni ama giocare intorno alle parole e ai numeri, ma non dice mai nulla per caso. A Sanremo per presentare l’edizione numero 69 del Festival della canzone italiana, da lui diretta, la prende alla lontana: «Il 69 richiama la sincronicità, lo Yin e lo Yang, l’avvicinamento degli opposti. Sanremo 69 deve essere il Festival dell’Armonia in un momento in cui l’armonia in Italia non c’è. Ho sempre pensato che gli artisti facessero battaglie sociali per farsi perdonare il successo, ma ora è diverso. Il Paese è incattivito, guarda con sospetto anche la propria ombra, non sa che direzione prendere, è confuso. Ci attacchiamo all’idea della leggerezza e del correrci incontro come fanno gli eserciti di buona volontà. I fanti sono quelli che tutti i giorni si dedicano al prossimo, gli artisti possono esserne almeno i trombettieri».

Nella sala del Casino municipale tutti sanno che lui a Lampedusa è di casa, e che dal 2003 al 2012 sull’isola ha organizzato il festival «O’ Scià», che non a caso si chiamava come un saluto amichevole che si usa da quelle parti. Gli chiedono come si sente, a fare un festival di canzoni in un momento come questo, e lui smette di ricorrere a giochi di parole: «Se la situazione non fosse drammatica, ci sarebbe da ridere. Ci sono milioni di persone in movimento, non si può pensare di risolvere il problema evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo alla farsa».

E poi ancora: «Non credo che un dirigente politico di oggi abbia la capacità di risolvere il problema, servirebbe almeno dire: è un grave problema, dobbiamo tutti metterci nella condizione di risolverlo. Credo che le misure prese dall’attuale governo, come da quelli precedenti, non siano assolutamente all’altezza. È una grana grossa: se la questione fosse stata presa in considerazione anni fa, non si sarebbe arrivati a questo punto».

Su Lampedusa: «Già 25 anni fa sull’isola si avvertiva quello che sarebbe diventato il fenomeno degli sbarchi, degli arrivi per mare. L’intenzione della mia manifestazione e degli oltre 300 artisti che hanno partecipato era dire: siamo preoccupati per i viaggi per mare irregolari. Ci auguravamo che il movimento non cadesse in mano all’illegalità, allo sfruttamento, alla non gestione. Ma la classe politica e forse anche l’opinione pubblica hanno mancato: è stato un disastro culturale e gestionale».
Sembra di capire che di migranti non si parlerà esplicitamente durante il Festival (di muri invece sì: «A 30 anni dalla caduta del muro di Berlino, i muri li stiamo ricostruendo, anzi non li abbiamo mai abbattuti», ha detto Baglioni, annunciando una rievocazione che potrebbe coinvolgere Marco Mengoni), ma tutti ricordano il monologo di Favino a Sanremo 2018: «Quando ti prendono a calci in culo di nuovo, tu te ne vai di nuovo là dove te ne vai, sei sempre più straniero, sempre meno a casa tua».

La conferenza stampa intanto si chiude, Baglioni non cita mai il ministro dell’Interno Salvini e Teresa De Santis, che aveva scelto l’occasione per la prima uscita pubblica da direttore di Rai 1, non replica. Passa qualche ora e da Roma arriva la reazione di Paolo Tiramani da Borgosesia, capogruppo leghista alla Vigilanza Rai: «Il direttore artistico di Sanremo è pagato, per giunta profumatamente, per parlare di musica non certo di politica. Se questo governo è all’altezza della situazione immigrazione non lo decide un cantante, indubbiamente talentuoso e gradito, ma il popolo italiano che continua ad apprezzare l’operato di Matteo Salvini e di questo governo».

Ancora pochi minuti e sui social interviene il ministro Salvini: «Baglioni? Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo». La storia – è subito evidente – non finisce qui: dal 5 al 9 febbraio, a Sanremo e non solo, non si parlerà d’altro. – [LaStampa.it]
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget