Naufragio vicino alla Libia, è una strage: 117 migranti morti, tra loro anche donne e bimbi

19/01/2019 – Sono tre i superstiti del naufragio avvenuto ieri al largo della Libia. Hanno raccontato che erano in 120 a bordo del gommone inabissatosi a circa 45 chilometri a est di Tripoli, all’interno della sua area di responsabilità SAR. A parte i due sudanesi e un gambiano tratti in salvo nella notte da un elicottero della Marina Militare italiana, non ci sarebbe nessun altro sopravvissuto. La Guardia Costiera italiana in una nota ha spiegato che “l’operazione, sotto il coordinamento libico, si è conclusa nella notte di ieri dopo l’intervento di un elicottero della Marina Militare italiana, che ha tratto in salvo tre naufraghi; una nave mercantile dirottata dai libici, giunta in zona, ha effettuato un’attività di ricerca non trovando alcuna traccia del gommone”.

loading…



Mentre il portavoce dell’Oim, Flavio Di Giacomo, ha chiarito che “i tre sopravvissuti arrivati a Lampedusa ci hanno detto che erano in 120. Dopo 11 ore di navigazione hanno imbarcato acqua e hanno cominciato ad affondare e le persone ad affogare. Sono rimasti diverse ore in acqua. Tra i dispersi, al momento 117, ci sono 10 donne, di cui una incinta, e due bambini, di cui uno di 2 mesi”. Il gommone è partito giovedì notte da Garabulli. Dopo circa 10 ore di navigazione avrebbe cominciato a sgonfiarsi per poi affondare.

L’ong tedesca Sea Watch, nel suo volo di ricognizione giornaliero, aveva già avvistato l’imbarcazione e aveva lanciato l’allarme su Twitter, ritenendo “La Libia responsabile”. I tre superstiti hanno detto di essere rimasti in acqua per oltre tre ore prima dell’arrivo dell’aereo della Marina italiana che ha tirato loro le due zattere, ha spiegato Di Giacomo: “Questi gommoni sono fatiscenti, quasi sempre dopo una decina di ore in mare cominciano a sgonfiarsi. I migranti finiscono in acqua e molti di loro non sanno nuotare“ ammette. Di Giacomo riferisce anche che i tre sopravvissuti sono”scossi e traumatizzati“, hanno scottature da benzina “tipiche di questo tipo di naufragi”.
Salvini: Ong recupera migranti, si scordi porto Italia
Una “Ong ha recuperato decine di persone. Si scordino di ricominciare la solita manfrina del porto in Italia o del ‘Salvini cattivo’. In Italia no”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in diretta Facebook. “Una riflessione: tornano in mare davanti alla Libia le navi delle Ong, gli scafisti ricominciano i loro sporchi traffici, le persone tornano a morire. Ma il ‘cattivo’ sono io. Mah…”. Così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, annunciando una diretta su Facebook. – [Fanpage.it]
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget