Airola in Senato: “Tav fondata su fake news, non ci sono penali da pagare”. Imbarazzo della Lega

09/03/2019 – No Tav pride. La mattina dopo il lungo vertice notturno a palazzo Chigi, l’Aula del Senato discute le mozioni sulla Torino-Lione. Discussione inutile ai fini pratici, ma densa di significato politico. Il M5S affida l’intervento finale ad Alberto Airola, senatore piemontese tra i più ostili all’opera (ha minacciato di lasciare il M5S), che scalda la curva grillina, riceve applausi a scena aperta e abbracci finali. Le sue parole non lasciano spazio ad ipotesi di trattativa: «Le ragioni portate avanti da chi vuole la Tav sono fake news.

L’accordo di base tra Italia e Francia nel 2001 prevedeva che i lavori partissero a saturazione della linea esistente, attualmente sfruttata per meno del 15 per cento. Le proiezioni fatte venti anni fa, di aumento del traffico, sono miseramente crollate, come confermato recentemente dallo stesso Osservatorio della Torino-Lione. Inutile, quindi, far andare un treno merci, non un treno passeggeri, in gallerie da 57 chilometri alla velocità di 160 chilometri orari, guadagnando, rispetto all’attuale linea, una manciata di minuti». Airola incalza sulla «repressione» attuata contro la popolazione della Valsusa, ricorda che la Corte dei conti francese «ha già detto che è un’opera troppo cara e consiglia di ammodernare la linea esistente». E ancora: «Non ci sono penali da pagare, del tunnel non è stato costruito neppure un centimetro, il Portogallo ha rinunciato senza pagare un centesimo di penali».

loading…



«La Francia non ha stanziato un solo euro per il tunnel di base. Quindi, il tunnel non può partire», attacca il senatore, tra gli applausi dei suoi e nel silenzio dei leghisti. «Chi insiste su quest’opera, quindi, non ha a cuore l’interesse del popolo, ma di multinazionali ed euromafie, che non aspettano altro che aggiudicarsi ricchi appalti». Il finale è dedicato alle promesse di Beppe Grillo alle popolazioni della Valsusa: «È scoccata l’ora di dare giustizia al popolo valsusino e riconoscere, dopo quasi trent’anni, che avevano ragione loro. Non solo vogliamo mantenere una promessa fatta tanto tempo fa da Beppe e tutti noi, ma li ringrazieremo per quello che hanno fatto per il Paese». I leghisti applaudono timidamente solo quando Airola annuncia il sì alla mozione Lega-M5S che si limita a ribadire quanto scritto nel contratto di governo, e cioè che il progetto della Tav va «integralmente ridiscusso».

Del resto, poco prima il senatore leghista Giuliano Pazzaglini si era limitato a dire che il Carroccio darà «seguito, come prevede la mozione unitaria che abbiamo sottoscritto, a quanto previsto nel contratto di governo che ci impegna a valutare quest’opera nel rispetto degli accordi internazionali». «Si è ritenuto di dover procedere ad un approfondimento. Obiettivo condiviso di entrambe le forze politiche è stato quello di rivedere il progetto e verificare la possibilità di realizzarlo risparmiando risorse e riducendo l’impatto ambientale». Dure critiche al governo da Pd, Fratelli d’Italia e Forza Italia. I senatori azzurri hanno esposto cartelli con scritto «Sì Tav» e «Non fermate l’Italia», la presidente del Senato Casellati ha interrotto l’Aula. Nel suo intervento il sottosegretario ai Trasporti Michele Dell’Orco (M5S) ha espresso sintonia con le opinioni della senatrice di Leu Loredana de Petris (contraria alla Tav): «Auspico anche a livello personale che si vada proprio nella direzione auspicata dalla senatrice De Petris». La replica della senatrice: «Dell’Orco auspica, ma nel frattempo la mozione di maggioranza ancora una volta cerca di non decidere e di prendere tempo. Siamo arrivati a un punto – lo sapete perfettamente – per cui non è più possibile rinviare la decisione politica: è evidente a tutti che non si può pensare o illudersi di riuscire a tirare a campare, facendo partire le gare per poi magari revocarle, fino alle elezioni europee». – [LaStampa.it]
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):

SOSTIENI L’ INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE: AIUTACI A CRESCERE, FAI UNA PICCOLA DONAZIONE, IL NOSTRO EDITORE SEI TU  GRAZIE!

SOSTIENI L’ INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE: AIUTACI A CRESCERE, FAI UNA PICCOLA DONAZIONE, IL NOSTRO EDITORE SEI TU  GRAZIE!


Comments are closed.


Get Widget