Di Battista: non mi candido alle Europee e vado in India, frequento corso da falegname [VIDEO]

01/04/2019 – Di Battista scioglie le riserve: non si candiderà alle Europee e andrà a vivere in India. Questo il succo di tredici minuti di diretta Fb per dire di nuovo «arrivederci» al M5s. Di Battista torna sui social dopo 40 giorni di assordante silenzio e spiega perché non si candiderà alle elezioni europee, come anticipato poche ore prima da Luigi Di Maio. Sostanzialmente perché non gli va e se una cosa non gli va – dice il popolare ex deputato romano, sorta di secondo leader M5S – «non la posso fare al cento per cento e non é giusto farla, specie un incarico pubblico».

Di Battista conferma che andrà in India con la famiglia tra un paio di mesi, per i suoi reportage. Intanto si é iscritto a un corso di falegnameria a Viterbo, racconta premettendo di essere consapevole che sarà preso in giro per questa scelta.

loading…



Dopo il rientro dal Centroamerica e l’impegno senza grandi risultati nella campagna per le regionali in Abruzzo, ‘Dibbà non ha parlato per oltre un mese, suscitando illazioni su contrasti con il capo politico Di Maio e su una sua emarginazione. Ora ricompare per rassicurare il milione e mezzo di follower e spiegare la sua decisione.

«Candidarsi vuol dire scegliere di mettersi al servizio della collettività – dice -, io non ci vorrei andare a Bruxelles a fare l’europarlamentare e se ci andassi senza volerlo non credo nemmeno che renderei bene». Di Battista, che ripete più volte di stare facendo «una vita che mi piace molto», tra il giornalismo e un nuovo libro «sul politicamente scorretto», comunque non esclude di ricandidarsi in futuro e si pronuncia su diversi temi.

«In politica estera il M5S dovrebbe assumere una posizione dura, supportare le popolazioni ovunque nel loro diritto di stare a casa loro – dichiara -, sapendo che ciò provoca la reazione di governi e multinazionali». Condivide l’accordo sulla Via della Seta e sul caso di Marcello De Vito, arrestato per corruzione a Roma, è durissimo: «Se condannato mi auguro che cambi città…». Il tono a tratti é ancora da leader, ma ‘Dibbà adesso pensa di più a sé.

«Sapevo da tempo che Alessandro non si sarebbe mai candidato, non si era candidato nemmeno alle politiche. Lo ringrazierò sempre per la mano che darà al Movimento e continuerò a sentirlo per chiedergli consigli e scambiare opinioni. Il movimento continua ad andare avanti, è forza di governo e realizza il programma a partire dal tema di oggi», commenta Di Maio.
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget