Bari calcio, indagati i Matarrese: debiti tributari per 54,5 milioni

03/04/2019 – Debiti tributari per 54 milioni 563mila euro e una costante «dissipazione del patrimonio» dell’As Bari per ulteriori 12,5 milioni. È l’atto d’accusa dei pubblici ministeri, coordinati dal procuratore barese Giuseppe Volpe, che hanno notificato agli ex patron del club, Antonio, Salvatore (classe 1957) e Salvatore (classe 1962) Matarrese, l’avviso di chiusura delle indagini preliminari per omesso versamento di imposte. L’ipotesi è che «dall’anno 2009 e sino al 2013, in maniera sistematica omettevano l’adempimento delle obbligazioni tributarie» depauperando, tra l’altro «il patrimonio della società». Omesso versamento di imposte dirette e Iva
loading…

L’inchiesta è del sostituto procuratore Carmela Bruna Manganelli, che ha coordinato le verifiche del nucleo di polizia economica-finanziaria della Guardia di finanza di Bari. Gli inquirenti hanno individuato una costante dissipazione del patrimonio dell’As Bari, dichiarata fallita il 10 marzo 2014. Con i fratelli Matarrese rispondono anche l’ex ad Francesco Vinella, l’ex amministratore unico Claudio Garzelli e l’ex consigliere Domenico De Bartolomeo. Stando al pm «non provvedevano al pagamento delle imposte dirette e dell’Iva, nonché delle ritenute fiscali». Una condotta che avrebbe «cagionato l’indebitamento e il successivo fallimento della società». In particolare, «il debito tributario, dall’iniziale cifra di 21 milioni 578mila euro a titolo di imposte e contributi dichiarati e non versati, per effetto delle sanzioni raggiungeva la somma di 47 milioni 623mila euro, cui andavano ad aggiungersi anche gli interessi». Il debito tributario dell’As Bari spa «raggiungeva – continuano gli inquirenti negli atti – il totale di 54 milioni 563mila euro». Finanziamento alla controllata Salvatore Matarrese spa Non solo. Secondo la Guardia di finanza gli indagati, pur in presenza del debito, «provvedevano a erogare cospicui finanziamenti in favore della controllante Salvatore Matarrese spa, per un importo parti a 7 milioni 500mila euro» erogati nel 2010. Gli inquirenti ritengono che parte del denaro sia stato «destinato al pagamento degli stipendi dei calciatori». – [IlSole24Ore.it] CONTINUA A LEGGERE >> VIDEO CORRELATI Dal momento che sei qui…. … abbiamo un piccolo favore da chiedere. Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it fai una donazione! Grazie al tuo contributo, ci aiuterai a mantenere la nostra indipendenza Dona oggi, e rimani informato anche domani. (Donazione Minima 5€):

Comments are closed.


Get Widget
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com