Anche Levi’s si converte alla canapa: sul mercato i jeans fatti in mix con il cotone

14/05/2019 – Mentre il Governo italiano arriva a litigare anche sul tema della canapa, sempre più aziende e stilisti la studiano come materia prima per i loro capi d’abbigliamento. Ma fino a oggi nessuno aveva ancora pensato di fare dei jeans di canapa. A sdoganare questa fibra naturale è ora Levi’s, l’azienda che ha fatto dei jeans un’icona dell’abbigliamento.

Indiscrezioni che rimbalzano da Oltreoceano indicano come l’azienda sia in fase avanzata di studio, tanto che lo scorso marzo è riuscita già a creare un paio di pantaloni e giubbetto la cui etichetta riportava un mix di canapa (31%) e cotone. La collezione prende il nome Levi’s Wellthreat x Outerknown e ha a catalogo anche magliette create in denim riciclato e miscele di cotone/canapa. Ma entro cinque anni, secondo quanto dichiarato a Business Insider dal responsabile per l’innovazione di Levi Strauss & Co, Paul Dillinger, la canapa potrà essere usata al 100%.

loading…



Fervono i lavori per rendere morbida la fibra, ma per il resto non manca la materia prima. Da quando lo scorso dicembre negli Stati Uniti è stata legalizzata la canapa, l’industria è esplosa e anche i campi coltivati non mancano, tanto che si parla di un mercato potenziale da oltre 13 miliardi di dollari entro il 2026.

Nessun colpo di teatro e nemmeno associazione alla cannabis per in nuovo battage pubblicitario di Levi Strauss & Co. Piuttosto tornare a usare la canapa significa garantire un prodotto a minor impatto ambientale. E in giro ci sono sempre più Lohas (Lifestyle of health and sustainability) che spingono per una nuova economia tessile improntata alla sostenibilità.

Usare la canapa, quindi, può dare buone risposte agli acquirenti attenti all’ambiente. In primis perché le piantagioni di canapa richiedono molta meno acqua (circa il 30%) rispetto alle coltivazioni di cotone. Ridotto è anche il ricorso ai pesticidi con buona pace del terreno e della salute degli agricoltori. Anzi, in certi terreni si ricorre alla coltivazione della canapa per bonificarli. In tempi di stravolgimenti climatici, la canapa fa ben sperare in questioni di adattamento e di buoni risultati di raccolto.

Il grosso del lavoro, lascia intendere la Levis, è riuscire però a trovare una lavorazione che renda il tessuto morbido e indossabile: perché una cosa è creare corda di canapa, altra è tessuto per i pantaloni di tutti i giorni. Figurarsi per le magliette. Lì sta la vera sfida. Che al momento vuol dire costi maggiori rispetto alla lavorazione del cotone. – [IlSole24Ore.it]
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


Get Widget