L’Europa ci rispedisce i migranti e beffa la Lega. Calano gli sbarchi, ma aumentano gli stranieri che tornano in Italia da altri Paesi europei

31/05/2019 – Che beffa. Per un anno Matteo Salvini non ha fatto altro che assicurare che con lui “la pacchia è finita”. Porti chiusi, stop a quei migranti additati come causa di tutti i mali e linea dura con l’Europa, per obbligare gli altri Paesi a farsi carico degli stranieri in fuga dalle loro terre. Con tanto di dati sulla drastica riduzione degli arrivi. La prova che la ricetta leghista funziona. Ecco però che ieri, ascoltato dalla commissione affari costituzionali alla Camera, il prefetto Michele Di Bari, scelto dallo stesso Salvini alla guida del Dipartimento per l’immigrazione del Viminale, non ha potuto far altro che, sempre dati alla mano, ammettere che sono più gli immigrati che ci rispediscono indietro gli altri Paesi europei di quelli sbarcati in Italia.

loading…



Altro che redistribuzione degli stranieri nell’Ue. Nei primi tre mesi del 2019, i cosiddetti “Dublinanti di ritorno” sono stati più numerosi degli ingressi via mare. Ben 46mila i migranti che gli Stati europei, Germania e Francia in testa, hanno chiesto all’Italia di riprendersi in base al Regolamento di Dublino, che impone al Paese di primo ingresso la responsabilità di farsi carico dei richiedenti asilo. Proprio per quelle regole firmare dal Governo Berlusconi, sostenuto dalla stessa Lega. E sempre lo scorso anno 6.574 migranti sono stati così rispediti in Italia a fronte di appena 254 stranieri che, per lo stesso meccanismo, Roma è riuscita a far tornare negli altri Paesi europei che li avevano in carico. – [Lanotiziagiornale.it]

DI MAIO: “Prima di farli sbarcare e far scattare il regolamento di Dublino dobbiamo avere la garanzia che l’Europa prenda in carico quei migranti”. Il ministro del Lavoro e vicepremier Luigi Di Maio, a Carugo, provincia di Como, per un incontro con gli imprenditori locali, si mostra più possibilista verso uno sbarco dei 47 migranti a bordo della Sea Watch rispetto all’alleato di governo Matteo Salvini. Per Di Maio, che ha definito a sua volta “surreale” la lettera dell’Onu rispetto al decreto sicurezza bis, “non solo non approvato, ma neanche discusso in consiglio dei ministri”, l’importante è che “l’Italia non si sobbarchi l’intera presa in carico dei migranti”

CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget