Sentenze pilotate in commissione, adesso il giudice Spanò vuole confessare

04/06/2019 – Sarebbe disposto a «collaborare» con la procura il presidente della commissione tributaria arrestato una quindicina di giorni fa dai finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria di Salerno e accusato di aver intascato mazzette in cambio di sentenze favorevoli. Fernando Spanò, che è ancora in carcere assieme al collega Giuseppe De Camillis e ai dipendenti della commissione, Giuseppe Naimoli e Salvatore Sammartino, vorrebbe rendere dichiarazioni importanti.

loading…



Intanto ha anche chiesto una perizia sanitaria per verificare se il suo stato di salute è compatibile con la condizione carceraria. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia del 18 maggio scorso, dinanzi al pm Elena Guarino e al gip Piero Indinnimeo, il presidente della V commissione si era limitato semplicemente a riconoscere gli addebiti ma, nonostante ciò, il giudice per le indagini preliminari aveva rigettato la sua richiesta di scarcerazione e di attenuazione della custodia cautelare in arresti domiciliari. Ora, invece, Spanò sarebbe pronto a raccontare tutta la sua verità sul giro di sentenze pilotate.
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget