Ultima ora. Arrestati per corruzione il Leghista Paolo Arata e figlio

12/06/2019 – All’alba di oggi sono scattate le manette per Paolo Arata, l’ex deputato di Forza Italia ed ex consulente della Lega per l’energia e il figlio Francesco. I due sono accusati di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni. Secondo la Dda di Palermo Arata, padre e figlio, sarebbero soci occulti dell’imprenditore trapanese dell’eolico Vito Nicastri, che secondo gli inquirenti sarebbe vicino al boss latitante Matteo Messina Denaro, anche lui finito in carcere con il figlio Manlio. Agli arresti domiciliari anche il dirigente regionale Alberto Tinnirello.

loading…



L’arresto è stato disposto dal gip di Palermo Guglielmo Nicastro su richiesta della Dda guidata da Francesco Lo Voi. Gli Arata sono indagati da mesi per un giro di mazzette alla Regione siciliana. Anche Nicastri, tornato in cella già ad aprile perché dai domiciliari continuava a fare affari illegali, sarebbe coinvolto. Nel business c’erano anche gli Arata che, secondo i pm, di Nicastri sarebbero soci.

Una tranche dell’inchiesta nei mesi scorsi finì a Roma perché alcune intercettazioni avrebbero svelato il pagamento di una mazzetta, da parte di Arata, all’ex sottosegretario alle Infrastrutture leghista Armando Siri. In cambio del denaro Siri avrebbe presentato un emendamento al Def, poi mai approvato, sugli incentivi connessi al mini-eolico, settore in cui l’ex consulente del Carroccio aveva investito. In seguito all’inchiesta, a Siri è stato revocato l’incarico nel governo Conte.

Ricostruita la rete Nicastri-Arata, che diceva: “Ho 2 soci e nessuno mi paga”
La Procura di Palermo ha ricostruito il complesso reticolo societario che univa l’imprenditore dell’eolico Vito Nicastri e il socio Paolo Arata, ex docente universitario vicino al Carroccio, entrambi indagati nell’ambito di una inchiesta su un giro di mazzette a dirigenti regionali per avere le autorizzazioni per progetti su energie alternative.

Le carte dei progetti che gli interessavano le infilava in un paniere, uno di quei contenitori con cui si passa la spesa, che calava dal balcone. Così e dando disposizioni dalla finestra o attraverso il figlio, continuava a controllare la gestione degli affari, nonostante gli arresti domiciliari, Vito Nicastri.

L’imprenditore alcamese accusato di avere pagato la latitanza del boss Messina Denaro, è tornato in cella ieri nell’ambito di una nuova indagine che lo vede indagato per corruzione.

Il contenuto del paniere finiva a Paolo Arata, socio occulto di Nicastri, o a suo figlio: entrambi sono indagati per corruzione e intestazione fittizia aggravata dall’avere agevolato la mafia. I pm di Palermo che coordinano l’inchiesta sono risaliti a tutte la partecipazione societarie di Arata nel business dell’imprenditore in odore di mafia.

Contemporaneamente, intercettando il faccendiere, hanno scoperto che questi avrebbe consegnato una tangente di 30mila euro al sottosegretario alle Infrastrutture leghista Armando Siri per caldeggiare un emendamento al Def che avrebbe favorito Nicastri. Emendamento poi non ammesso.

Nel troncone siciliano dell’inchiesta sono coinvolti anche alcuni dirigenti regionali e uno comunale che sarebbero stati corrotti per agevolare le autorizzazioni al duo Nicastri-Arata per i progetti relativi al bio-metano e all’eolico. Nei prossimi giorni la Dia, che ha condotto l’indagine, sentirà come testimoni gli assessori regionali al territorio e all’Energia Cordaro e Pierobon e il presidente dell’Ars Miccichè che sarebbero stati contattati da Arata per avere entrature nell’amministrazione regionale.

Arata, che era a conoscenza dell’indagine a carico di Nicastri per concorso esterno in associazione mafiosa, e che continuava a incontrarlo e parlarci nonostante questi fosse ai domiciliari, era socio dell’imprenditore nella società Solcara srl ed Etnea srl, titolari di 16 impianti per la produzione di energia da fonte eolica nella provincia di Trapani e Solgesta srl, societa’ partecipata interamente dalla Solcara, che sta sviluppando in provincia di Trapani e Siracusa due progetti per la realizzazione di impianti di energia elettrica e bio gas utilizzando rifiuti organici.

“Io dal prossimo mese devo pagare quelle vostre di Solcara? devo pagare le mie e ogni mese sono 10, 15.000 euro se mi va bene – diceva, non sapendo di essere intercettato, Arata al figlio di Nicastri alludendo a oneri della società comune – ma molto preoccupato, perché anche questo mese io alla fin fine tiro 15.000 euro? cioè no anzi, ne tiro fuori 25.000, hai capito? 25.000!? voi non guadagnate niente? eh ragazzi qui non è una situazione simpatica eh? qui il cerino in mano ce l’ho io non ce l’ha nessun’altro perché? sì che voi avete le vostre tre turbine, però le ho pagate io e sto pagando io gli oneri. Cioè io mi trovo in una situazione che ho due soci? uno è Tamburrino e uno siete voi? in cui nessuno dei due mi paga”. (ANSA)
[Corriere.it]
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget