Menu
Categories
Reddito minimo, Prudenzano (Confintesa) a Durigon: «Chi l’ha detto che non lo vuole nessuno?»
luglio 19, 2019 Ambiente e salute

19/07/2019 – “A volte la politica ha dell’incredibile e questa volta ce lo dimostra il Sottosegretario al Lavoro Onorevole Claudio Durigon che, in un’intervista al Tempo, si schiera contro il salario minimo legale argomentando la sua posizione con la fatidica frase… “non lo vuole nessuno” “.

Prudenzano: «Non siamo stati invitati al tavolo tecnico»
Lo afferma Francesco Prudenzano Segretario Generale di Confintesa in merito alle dichiarazioni rilasciate al Tempo di Claudio Durigon il quale afferma che, nella “famosa” riunione al Viminale con 43 parti sociali, “l’unanimità dei presenti” si è dichiarata contro l’istituzione di questo provvedimento che vige in moltissimi paesi europei. “Facciamo notare all’onorevole Durigon che a quella riunione sono stati invitati gli amici degli amici evitando di mettere intorno a quel tavolo alcune forze sindacali rappresentative che, come Confintesa, hanno già espresso in audizioni informali presso la Commissione lavoro della Camera dei Deputati il loro apprezzamento per il salario minimo anche se con correttivi diversi”.

loading…



Adeguare i salari a livelli dignitosi»
“L’onorevole Durigon – continua Prudenzano – ritiene invece di fare di tutt’erba un fascio e rendere universali posizioni espresse principalmente da Confindustria e Cgil, Cisl e Uil anche se con motivazioni diverse ma convergenti. Non è pensabile – prosegue Prudenzano – che si accetti di approvare un reddito di cittadinanza che garantisce un reddito ai disoccupati e non si accetti di adeguare i salari minimi a livelli dignitosi e toglierli dallo stato di povertà e sfruttamento in cui sono relegati da contratti dumping».

Continua Prudenzano: «Durigon e la Lega pensino anche, prima di istituire una discutibile flax tax, a detassare la parte di reddito minimo legale in modo da non gravare su imprese e lavoratori. Così come Durigon non può giustificare la sua posizione contro il salario minimo con il fatto che in Italia vige un Welfare italiano che non esiste negli altri paesi. Ricordiamo all’Onorevole Durigon che il salario mediano annuo italiano è pari al 40% di quello francese e al 50% di quello tedesco. A questo punto – conclude Prudenzano – chiediamo alle forze di Governo di smetterla di fare campagna elettorale magari per avere un voto in più da Confindustria sulla pelle di chi lavora otto ore al girono per 800/1000 euro al mese rasentando la povertà». – [SecolodItalia.it]
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments
Comments are closed
*