Il piano del M5S: il Pd non sfiducia Conte e vota il taglio dei parlamentari, Salvini fuori dal Governo e poi al voto

12/08/2019 – Quando accadrà non lo sappiamo ancora. Però già che c’è una mozione di sfiducia al presidente del Consiglio Giuseppe Conte presentata dalla Lega, appena sarà calendarizzata si andrà in aula a discutere e a votare. Sarà un passaggio veloce, indolore? Si decapiterà subito il premier e si andrà subito alle urne? Qui la strada si fa più stretta e le aspettative del leader della Lega Matteo Salvini sono troppo generose rispetto a quanto potrebbe riuscire a cavarne da una crisi agostana aperta per rincorrere i sondaggi. Ci sono contatti tra M5S e Pd per scongiurare il voto subito, fare un governo di scopo, sterilizzare l’Iva, fare la manovra economica, evitare la bancarotta del Paese e poi, dopo aver messo i conti pubblici al sicuro, andare al voto. Quello che dovrebbe nascere è un governo di scopo, un governissimo, un governo del Presidente o come vogliamo e vorranno definirlo che nascerà solo se il Pd vorrà ed evidentemente se il presidente Sergio Mattarella si convincerà che un esecutivo del genere ha il consenso necessario in Parlamento e risponde agli interessi del Paese. Come andrà tra Pd e M5S? Riusciranno a trovare la quadra e a disattivare Matteo Salvini che vuole capitalizzare subito l’enorme consenso che gli attribuiscono i sondaggi? Il M5S tesse la tela di un accordo di desistenza con il Pd e resistenza a Salvini. In che cosa consiste? Oggi Di Maio chiederà a Matteo Salvini di fare sul serio e di fare il serio. Il ragionamento che farà Di Maio è più o meno questo: “Hai presentato la mozione di sfiducia a Conte? Bene, esci subito dal Governo. Dimettiti e fai dimettere i ministri leghisti. Insomma, siate conseguenti”. Poi sarà calendarizzata la mozione in Aula al Senato.

In quella sede Giuseppe Conte spiegherà chi è in realtà Matteo Salvini, perchè vuole andare al voto e perchè vuole farlo subito. Quindi si passerà al voto di sfiducia a Conte. E qui si vedrà se c’è accordo tra Pd e M5S per un governo di scopo, si misurerà se la tela tra Pd e Cinque Stelle sarà stata solo la foto di un disperato tentativo estivo, oppure se può diventare davvero realtà lo scacco a Matteo Salvini. Nella speranza che i sussurri e gli sms con i dem portino a una nuova maggioranza di fatto innanzitutto alla Camera sul taglio dei parlamentari, la bandiera che va resa legge per far slittare il voto di mesi, almeno fino alla primavera. Questa potrebbe essere la rotta dei Cinque Stelle nella testa del capo politico Di Maio, che stamattina riunirà i parlamentari in un’assemblea congiunta e chiederà un nuovo mandato a proseguire, sulla via per tenere in piedi un governo: un Conte bis, negli auspici. O anche un governo del presidente con qualche “risorsa” della Repubblica tipo Raffaele Cantone. Luigi Di Maio è aperto anche a questa soluzione o ad altre, basta dare scacco a Salvini, avere il tempo di smascherare il suo piano e andare al voto dopo aver fatto la riforma costituzionale del taglio dei parlamentari.

loading…



Quando accadrà non lo sappiamo ancora. Però già che c’è una mozione di sfiducia al presidente del Consiglio Giuseppe Conte presentata dalla Lega, appena sarà calendarizzata si andrà in aula a discutere e a votare. Sarà un passaggio veloce, indolore? Si decapiterà subito il premier e si andrà subito alle urne? Qui la strada si fa più stretta e le aspettative del leader della Lega Matteo Salvini sono troppo generose rispetto a quanto potrebbe riuscire a cavarne da una crisi agostana aperta per rincorrere i sondaggi. Ci sono contatti tra M5S e Pd per scongiurare il voto subito, fare un governo di scopo, sterilizzare l’Iva, fare la manovra economica, evitare la bancarotta del Paese e poi, dopo aver messo i conti pubblici al sicuro, andare al voto. Quello che dovrebbe nascere è un governo di scopo, un governissimo, un governo del Presidente o come vogliamo e vorranno definirlo che nascerà solo se il Pd vorrà ed evidentemente se il presidente Sergio Mattarella si convincerà che un esecutivo del genere ha il consenso necessario in Parlamento e risponde agli interessi del Paese. Come andrà tra Pd e M5S? Riusciranno a trovare la quadra e a disattivare Matteo Salvini che vuole capitalizzare subito l’enorme consenso che gli attribuiscono i sondaggi? Il M5S tesse la tela di un accordo di desistenza con il Pd e resistenza a Salvini. In che cosa consiste? Oggi Di Maio chiederà a Matteo Salvini di fare sul serio e di fare il serio. Il ragionamento che farà Di Maio è più o meno questo: “Hai presentato la mozione di sfiducia a Conte? Bene, esci subito dal Governo. Dimettiti e fai dimettere i ministri leghisti. Insomma, siate conseguenti”. Poi sarà calendarizzata la mozione in Aula al Senato.

Giuseppe Conte. Il premier assieme ai due vice spiegherà al Senato perchè Salvini ha affossato il Governo

In quella sede Giuseppe Conte spiegherà chi è in realtà Matteo Salvini, perchè vuole andare al voto e perchè vuole farlo subito. Quindi si passerà al voto di sfiducia a Conte. E qui si vedrà se c’è accordo tra Pd e M5S per un governo di scopo, si misurerà se la tela tra Pd e Cinque Stelle sarà stata solo la foto di un disperato tentativo estivo, oppure se può diventare davvero realtà lo scacco a Matteo Salvini. Nella speranza che i sussurri e gli sms con i dem portino a una nuova maggioranza di fatto innanzitutto alla Camera sul taglio dei parlamentari, la bandiera che va resa legge per far slittare il voto di mesi, almeno fino alla primavera. Questa potrebbe essere la rotta dei Cinque Stelle nella testa del capo politico Di Maio, che stamattina riunirà i parlamentari in un’assemblea congiunta e chiederà un nuovo mandato a proseguire, sulla via per tenere in piedi un governo: un Conte bis, negli auspici. O anche un governo del presidente con qualche “risorsa” della Repubblica tipo Raffaele Cantone. Luigi Di Maio è aperto anche a questa soluzione o ad altre, basta dare scacco a Salvini, avere il tempo di smascherare il suo piano e andare al voto dopo aver fatto la riforma costituzionale del taglio dei parlamentari.

C’è la copertura politica del fondatore Beppe Grillo, che sabato ha sorpreso tutti con quel suo post su Salvini: “Altro che elezioni, salviamo l’Italia dai barbari, coerenza non vuol dire rigidità”. Parole che hanno fatto emergere una sfilza di 5Stelle pronti alla scommessa, all’accordo con il Pd. A tradurre in linguaggio più semplice le parole evocative di Grillo ci ha pensato Emilio Carelli, deputato del M5S, entrato nelle liste dei grillini in quel momento di apertura del Movimento alla società civile, eletto in un collegio uninominale difficile senza alcun paracadute elettorale nel proporzionale.

E che cosa dice Carelli? Che “dialogare per il bene del paese è un atto di responsabilità necessario che riguarda tutti i partiti che hanno a cuore le sorti dell’Italia. Quando si vive un’emergenza – spiega Carelli – bisogna mettere da parte i vecchi rancori e le rivalità dei tempi normali. Ci sono in gioco la tenuta dell’Italia, la qualità della vita dei cittadini e i bilanci delle imprese. Facciamo quadrato per bloccare l’aumento dell’Iva, contenere lo spread ed evitare le montagne russe sui mercati, ma anche approvare definitivamente la riduzione del numero dei parlamentari. Non possiamo permettere che la propaganda e la sete di potere di un solo uomo (ndr, leggi Salvini) riportino l’Italia indietro di decenni”.
Carelli non fa parte della nomenclatura del potere grillino ma la sua libertà di giudizio e la sua capacità di mantenere l’equilibrio nei momenti complicati, è benzina per far correre Di Maio, che si avvale anche di queste prese di posizione per tenere unito il gruppo parlamentare. Un Di Maio che può contare anche sul benestare di due big spesso critici come Nicola Morra e Paola Taverna. E ovviamente sull’appoggio del presidente della Camera Roberto Fico.

E allora Di Maio insiste. Con Matteo Renzi nessun contatto diretto. Per questo il capo politico riparte sempre da lì, dal taglio dei 345 parlamentari, da approvare in quarta e definitiva lettura a Montecitorio. “L’unica apertura da fare è al buon senso, tagliamo 345 poltrone. Nessun inciucio, nessun giochetto” ripete su Facebook. Poi, con una formuletta che usano un po’ tutti, Di Maio spiega che anche il M5S “si affida alle decisioni del presidente della Repubblica”. Ma non è così semplice. Il Pd deve decidere l’astensione nel voto di sfiducia a Conte. E per farlo devono riunirsi, tenere una direzione. Renzi e Zingaretti non hanno un accordo. Perchè c’è bisogno di un accordo serio per far passare il cosiddetto lodo Grasso, cioè l’ astensione di dem, LeU e vari del Misto nel voto in Senato sul premier. La prima, importante prova sarà la conferenza dei capigruppo di domani alla Camera, dove il M5S si aspetta l’aiuto del Pd per un nuovo calendario dei lavori che anticipi da settembre ai prossimi giorni il voto sulla riduzione degli eletti. Ma ci sono troppi “se” e troppi “ma” disseminati lungo questa strada. – [FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget