Al Centro Oli di Viggiano torna l’allarme. Ancora fiamma alta e cattivo odore

A quanto risulta da alcune foto postate su alcuni profili facebook, nel pomeriggio di oggi dai camini del Centro oli di Viggiano è ricomparsa la fiamma alta. Al momento non è dato sapere se nei minuti precedenti all’evento vi sono stati o meno segnali di allarmi presso il Centro oli né se di eventuali anomalie sono stati informati gli uffici competenti, cui Eni è tenuta alla immediata comunicazione circa anomalie o superamenti dei ”limiti emissivi consentiti”.

La cosa certa che i cittadini residenti in prossimità dell’impianto Eni hanno avvertito per molte ore cattivo odore, il solito che si manifesta in occasione di malfunzionamenti presso gli impianti del Cova.

loading…



“Da stamattina alle 4, scrivono su facebook – il COVA di Viggiano è in blocco e coloro che abitano nei dintorni hanno sentito una fortissima puzza che faceva girare la testa. Adesso le estrazioni sono ferme e gli addetti stanno cercando di ripristinare l’attività. Cosa sarà successo? Che danni avrà provocato tutto questo all’ambiente ed alla salute delle persone? E l’ENI dirà, come al solito, che tutto è a posto e che non ci sono problemi? Questo sarà l’ennesimo NON-INCIDENTE?”

Eni informa che nella mattina di ieri, lunedì 9 settembre, a seguito di una anomalia del sistema di distribuzione elettrica, il Centro Olio Val d’Agri, coerentemente con le procedure ed i sistemi di sicurezza intervenuti, ha subito un fermo temporaneo delle attività.
I dati registrati dalle centraline di monitoraggio della qualità dell’aria confermano il rispetto dei limiti previsti dalla normativa nazionale e regionale. Attualmente l’impianto è regolarmente in marcia. – [FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


Get Widget