Napoli, la rivolta degli operai di American Laundry: sit in alla Regione e scontri con la polizia

20/09/2019 – Dopo il sit in al Duomo in occasione del miracolo di San Gennaro, questa mattina i lavoratori dell’American Laundry protestano davanti alla Regione a Santa Lucia: la loro ditta fornisce biancheria agli ospedali, ma c’è stato un nuovo appalto e si teme per il futuro di circa 250 dipendenti. I manifestanti si sono poi trasferiti all’ingresso della Galleria della Vittoria, bloccando il traffico. Qui ci sono stati momenti di forte tensione quando un gruppo di operai ha cercato di bloccare l’ingresso della Galleria. I lavoratori si sono stesi a terra. È intervenuta la polizia che li ha rimossi spostandoli di peso. Ne sono seguiti attimi di tensione, tra proteste dei manifestanti e blocco della circolazione stradale. Sul posto è arrivata un’ambulanza.

Operai chiedono garanzie e certezze
Negli scorsi giorni, l’azienda aveva comunicato l’intenzione di mantenere i livelli occupazionali nonostante la cessione ma agli operai non è bastato e ora chiedono maggiori certezze e garanzie, soprattutto dalle Istituzioni. “Il Governo ci ha un po’ traditi”, spiega uno dei lavoratori davanti al Duomo. “Deve scendere scendere in campo Conte che ha dichiarato che avevano salvato il sito di Napoli, ora deve dimostrarlo. Il sindaco Luigi de Magistris – aggiunge – ha detto che avrebbe indossato la fascia tricolore e sarebbe venuto in piazza, vorremmo che lo facesse”.

loading…



Sepe: “Non si può sacrificare dignità per dio denaro”
“Non dobbiamo permettere che in una terra come la nostra si perda il lavoro”. Sono le parole che il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, ha pronunciato uscendo sul sagrato del Duomo, dove ha mostrato l’ampolla con il sangue del santo patrono ai fedeli riuniti numerosi anche all’esterno della chiesa cattedrale, in riferimento alle proteste in corso da parte dei lavoratori di Whirlpool e American Laundry.

“È disumano, non potete, in nome del dio denaro, sacrificare dignità e lavoro di oltre 400 famiglie. Ho saputo che avrebbero venduto a una azienda svizzera – ha affermato i riferimento al caso Whirlpool – non è bello. È giusto che difendano i loro diritti, la loro dignità di uomini e lavoratori – ha aggiunto -. Devono essere messe in campo tutte le azioni affinché siano salvati i posti di lavoro. Devono essere aiutati a salvaguardare il loro lavoro e non si devono arrendere mai ma cercare di difendere il lavoro, da soli non ce la faranno, servono le istituzioni ma anche con la Chiesa come sostegno morale. Tutti – ha concluso – siano rispettosi di lavoratori e loro diritti”.

De Magistris: “Governo deve battere un colpo”
Presente alla celebrazione di San Gennaro anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, il quale, prima della messa, ha incontrato alcuni lavoratori della Whirlpool, ai quali ha riferito che è giunto il momento che “domani finalmente il ministro dello sviluppo economico incontrerà l’azienda e farà il punto della situazione. Quello che rammarica di questa vicenda – ha aggiunto – è che c’è un accordo firmato tra governo, sindacati e azienda nell’ottobre 2018, un accordo in cui l’azienda assicurava che non sarebbe andata via da Napoli e che avrebbe fatto un piano industriale mentre il governo avrebbe fatto la sua parte. Io penso che gli accordi vadano rispettati. Noi – ha concluso – siamo schierati con i lavoratori per preservare una realtà industriale importante e stiamo facendo la nostra parte, non solo sulla solidarietà ma anche con fatti concreti. Stiamo lavorando per trovare una soluzione nella direzione giusta, oggi però un colpo lo deve battere il governo italiano”. – [IlMattino.it]
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget