Palermo, arrestati per corruzione sindaco, vice e assessore Casteldaccia


06/12/2019 – I carabinieri di Bagheria hanno eseguito un’ordinanza di arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Termini Imerese nei confronti del sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto, del vicesindaco Giuseppe Montesanto, dell’assessora Marilena Tomasello, della funzionaria Rosalba Buglino e del geometra Salvatore Merlino. Di Giacinto, Montesanto e Tomasello sono accusati di corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio. A carico di Di Giacinto anche un altro episodio di corruzione. Secondo i carabinieri avrebbero richiesto assunzioni in cambio di favori. Buglino e Merlino sono invece accusati di due episodi di corruzione, con falsi materiali e ideologici.

«Non voglio fare ne danno a te e neanche danno fare a me e appena noi facciamo una cosa sbagliata ci rompono il culo, a me da un lato a te dall’altro». Così parlava intercettato il sindaco di Casteldaccia, Giovanni Di Giacinto, arrestato con l’accusa di corruzione per aver procacciato assunzioni in cambio di affidamenti diretti.

loading…



L’indagine dei carabinieri e della procura di Termini Imerese riguarda 11 persone, 5 dei quali arrestate e ha ricostruito diversi episodi di corruzione a carico del primo cittadino, dalla selezione di 5 volontari in un progetto del “Servizio Civile 2018” sul contrasto alla violenza contro le donne, all’affidamento del «servizio di raccolta, trasporto e confezionamento dei rifiuti differenziati» alla ditta Fisma srls «inserendovi un’ulteriore voce di spesa pari a 2.500 euro quale corrispettivo mensile per l’utilizzo della piattaforma ambientale nella disponibilità della Fisma, in cambio dell’assunzione da parte dell’amministratore Magro Gaspare (uno gli indagati) di 6 persone alle dipendenze della Fisma srls, così accettando la promessa di Magro e ricevendo per se e per gli altri utilità patrimoniali e non».

«Io non voglio fare danni a nessuno, figurati però io neanche mi posso fare mettere alla berlina dalla Regione», diceva il 4 ottobre il sindaco all’amministratore della Fisma srls, aggiungendo «se poi io per la piattaforma ti devo dare 2.500 euro al mese e tu ti sei dimenticato a scrivertelo, glielo metti». Poi in una riunione a dicembre con i dipendenti assunti, gli raccontava come aveva contrattato la loro paga. «Io ieri l’ho chiamato e gli ho detto di lasciarvi contenti e di non rompere i coglioni, cento euro in piu, cento euro in meno non cambiano niente – diceva intercettato nel suo ufficio – ne per lui, a voi probabilmente vi cambiano ma a lui non gli cambia niente, siamo rimasti che lui vi deve dare 1.350 euro al mese».

I posti di lavoro il sindaco di Casteldaccia li avrebbe chiesti anche alla società Fisma srls a cui il Comune, con ordinanza sindacale del 5 ottobre del 2018, aveva affidato il servizio di raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti differenziati. In cambio il primo cittadino avrebbe ottenuto l’assunzione di sei operai tra i quali il cugino di Di Giacinto. – [FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>
Ordina subito la tua carta Revolut gratuita.



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget
Warning: Unknown: open(/tmp/sess_9vf38fd6hn0tfv6vl5hvl56va4, O_RDWR) failed: File too large (27) in Unknown on line 0 Warning: Unknown: Failed to write session data (files). Please verify that the current setting of session.save_path is correct (/tmp) in Unknown on line 0