Brilla la prima stella del Movimento. A Torino l’acqua tornerà pubblica. La Appendino avvia l’analisi costi-benefici

27/03/2020 – A Torino l’acqua tornerà pubblica. La sindaca Chiara Appendino ha deciso di tornare a far brillare quella che era la prima stella del Movimento. Via i privati dalla gestione di un bene così prezioso. Proprio come deciso con il referendum del 2011 a cui non è stato però dato seguito. La giunta pentastellata del capoluogo piemontese chiederà quindi all’assemblea dei soci della Smat di trasformare l’azienda in una società consortile di diritto pubblico. Da tempo a Torino stanno pensando a far tornare pubblica la gestione dell’acqua. La giunta Appendino ha quindi atteso l’analisi costi-benefici commissionata dal presidente di Smat, Paolo Romano. E, rassicurata anche da giuristi ed economisti sull’assenza di problemi tecnici particolari per la trasformazione dell’azienda, ha deciso di procedere.

Come confermato dall’assessore comunale all’ambiente Alberto Unia, che ha anche precisato che i ritardi sono stati legati all’esplosione dell’emergenza coronavirus. Un annuncio fatto durante la presentazione di una mozione della pentastellata Daniela Albano, che impegna la giunta a insistere nel far tornare pubblica la Smat, contestata dai consiglieri comunali dem.

loading…



A decidere dovranno ovviamente essere anche gli altri Comuni in cui il servizio idrico è gestito dalla stessa società e che, al pari di Torino, sinora hanno incassato dividendi di tutto rispetto. Considerando anche che di recente la Cidiu, la società dei rifiuti di Venaria e di altri Comuni della zona, ha sostenuto di voler chiedere il rimborso delle sue quote, il 10%, in caso di trasformazione dell’azienda.

Un anno fa a tornare sul tema dell’acqua pubblica, sul Blog delle Stelle, erano state le deputate pentastellate Federica Daga e Ilaria Fontana, assicurando il loro impegno per far rispettare quanto deciso dagli italiani con il referendum di nove anni fa. “Gli attivisti del Movimento 5 Stelle – avevano sottolineato – sanno bene di cosa parliamo quando diciamo che l’acqua pubblica è la nostra prima stella. In realtà prima ancora è stata scintilla, lo sprazzo di luce nel buio che ci ha fatto intravedere la via da percorrere, in quelle lunghe riunioni davanti a una pizza o a un caffè che sarebbero poi diventate i primi meet-up. Cittadine e cittadini qualunque si ritrovavano attorno a un’idea: quella di non farsi scippare la risorsa più importante, un bene comune di cui tutti hanno diritto a fruire”. [Continua su FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>
Ordina subito la tua carta Revolut gratuita.
VIDEO CORRELATI:

Covid-19, l’Oms lancia raccolta fondi

Si chiama Solidarity response fund.  Come donare: Per donare al Solidarity Response Fund, potete andare sul sito http://who.int e cliccare sul bottone arancione “Donate” in cima alla pagina.

Oppure attraverso il canale Facebook.


A tutti i nostri lettori in Italia.
Può essere imbarazzante, però, per favore, non ignorare questo messaggio.  Il 99% dei nostri lettori non dona, fa finta di niente. Se sei uno dei quei lettori straordinari che ha già donato, ti ringraziamo di cuore. Se donassi solo 5 €, questo sito potrebbe continuare a crescere per anni. Dimostra ai volontari che ti forniscono informazioni affidabili e neutrali che il loro lavoro conta. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro Blog, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità:

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):


Comments are closed.


Get Widget