L’agricoltura industriale è la causa del coronavirus?

30/03/2020 – Da dove viene il virus che causa l’attuale pandemia? Come è arrivato a un mercato alimentare a Wuhan, in Cina, da dove si pensa che si sia riversato sugli umani? Le risposte a queste domande vengono gradualmente messe insieme e la storia che raccontano rende la lettura scomoda.

Cominciamo dall’inizio. A partire dal 17 marzo, sappiamo che il virus Sars-CoV-2 (un membro della famiglia dei coronavirus che causa la malattia respiratoria Covid-19) è il prodotto dell’evoluzione naturale. Uno studio sulla sua equivalenza genetica , condotto dall’esperta in malattie infettive Kristian G Andersen dello Scripps Research Institute di La Jolla, in California, e colleghi, esclude la possibilità che potesse essere prodotto in un laboratorio o progettato in altro modo. Puff andare alle teorie della cospirazione.

Il passaggio successivo è un po ‘meno certo, ma sembra probabile che il serbatoio animale originale per il virus fosse un pipistrello. Il team di Andersen ha mostrato – come i cinesi prima di loro – che la sequenza di Sars-CoV-2 è simile ad altri coronavirus che infettano i pipistrelli.

Dal momento che altri coronavirus di pipistrello sono transitati verso l’uomo attraverso un ospite intermedio, sembra probabile che anche questo abbia funzionato. Quell’animale era probabilmente uno che ad alcuni cinesi piace mangiare e che quindi viene venduto in mercati “umidi” (quelli che vendono carne fresca, pesce, frutti di mare e altri prodotti). Questo animale potrebbe essere stato il mammifero squamoso chiamato un pangolino. Ciò non può essere provato in modo conclusivo, ma diversi gruppi hanno trovato somiglianze di sequenza tra Sars-CoV-2 e altri coronavirus che infettano le pangoline.

loading…



Se questa è davvero la via che il virus ha intrapreso per l’uomo, ha due interfacce critiche: una tra noi e l’ospite intermedio, forse una pangolina, e una tra quell’ospite e i pipistrelli. Finora la maggior parte dell’attenzione è stata focalizzata sull’interfaccia tra l’uomo e l’ospite intermedio, con dita di colpa puntate sui mercati umidi cinesi e sulle abitudini alimentari, ma entrambe le interfacce erano necessarie affinché la pandemia si accendesse. Quindi dove e come si è verificato lo spillover dal pipistrello al pangolino – o altro host intermedio selvaggio o semi-selvaggio?

“Il nostro studio non fa luce direttamente sull’origine geografica del virus”, afferma Andersen. “Tuttavia, tutte le prove disponibili dimostrano che era all’interno della Cina.”

Il caso è stato chiuso e il presidente Trump ha ragione a chiamare S ars-CoV-2 il “virus cinese” . Beh, no, perché se vuoi capire perché questa pandemia è avvenuta ora e non, diciamo, 20 anni fa – dal momento che il gusto dei cinesi per ciò che noi consideriamo la tariffa esotica non è nuovo – devi includere una serie di altri fattori . “Possiamo incolpare l’oggetto – il virus, la pratica culturale – ma la causalità si estende alle relazioni tra le persone e l’ecologia”, afferma il biologo evoluzionista Rob Wallace del Corpo di ricerca per l’agroecologia e l’economia rurale a St Paul, Minnesota.

A partire dagli anni ’90, come parte della sua trasformazione economica, la Cina ha aumentato i suoi sistemi di produzione alimentare su scala industriale. Un effetto collaterale di questo, come hanno documentato gli antropologi Lyle Fearnley e Christos Lynteris, era che i piccoli agricoltori erano sottosquadra e cacciati dall’industria zootecnica. Alla ricerca di un nuovo modo di guadagnarsi da vivere, alcuni si sono rivolti all’allevamento di specie “selvatiche” che in precedenza erano state mangiate solo per sussistenza. Il cibo selvaggio è stato formalizzato come settore ed è stato sempre più marchiato come prodotto di lusso. Ma i piccoli proprietari non sono stati solo espulsi economicamente. Man mano che le preoccupazioni legate all’agricoltura industriale occupavano sempre più terra, anche questi piccoli agricoltori venivano espulsi geograficamente, più vicini a zone incolti. Più vicino ai margini della foresta, cioè dove si nascondono pipistrelli e virus che li infettano. La densità e la frequenza dei contatti su quella prima interfaccia aumentarono, e quindi aumentò anche il rischio di uno spillover.

È vero, in altre parole, che una popolazione umana in espansione che spinge in ecosistemi precedentemente indisturbati ha contribuito al crescente numero di zoonosi – infezioni umane di origine animale – negli ultimi decenni. Questo è stato documentato per Ebola e HIV, per esempio. Ma dietro quel turno c’è stato un altro, nel modo in cui viene prodotto il cibo. I moderni modelli di agroalimentare stanno contribuendo alla nascita di zoonosi.

Prendi l’influenza, una malattia che si ritiene abbia un elevato potenziale di pandemia, che ha causato circa 15 pandemie negli ultimi 500 anni. “Esiste chiaramente un legame tra l’emergere di virus dell’influenza aviaria ad alta patogenicità e l’intensificazione dei sistemi di produzione di pollame”, afferma l’epidemiologo spaziale Marius Gilbert dell’Université Libre de Bruxelles in Belgio. – [Continua su FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>
Ordina subito la tua carta Revolut gratuita.
VIDEO CORRELATI:

Covid-19, l’Oms lancia raccolta fondi

Si chiama Solidarity response fund.  Come donare: Per donare al Solidarity Response Fund, potete andare sul sito http://who.int e cliccare sul bottone arancione “Donate” in cima alla pagina.

Oppure attraverso il canale Facebook.


A tutti i nostri lettori in Italia.
Può essere imbarazzante, però, per favore, non ignorare questo messaggio.  Il 99% dei nostri lettori non dona, fa finta di niente. Se sei uno dei quei lettori straordinari che ha già donato, ti ringraziamo di cuore. Se donassi solo 5 €, questo sito potrebbe continuare a crescere per anni. Dimostra ai volontari che ti forniscono informazioni affidabili e neutrali che il loro lavoro conta. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro Blog, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità:

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):


Comments are closed.


Get Widget