Coronavirus, il Governo verso la diffida all’ordinanza della Calabria: “non avete casi, ma dovete rimanere chiusi”

30/04/2020 – In base a quanto apprendiamo nella notte da fonti di governo, l’esecutivo sta valutando la diffida dell’ordinanza della Regione Calabria con cui il governatore, Jole Santelli, consente già da oggi, Giovedì 30 Aprile, la riapertura dei locali con tavoli all’aperto, dei mercati e dà il via libera alla ripresa degli sport individuali. L’ordinanza, riferiscono fonti vicinissime al Governo, è stata oggetto di discussione del Consiglio dei Ministri che si è concluso da pochi minuti. La diffida è il passo che precede l’impugnativa. Si tratta, in estrema sintesi, di una lettera con cui si invita il governatore a rimuovere le parti incoerenti dell’ordinanza rispetto al Dpcm varato dal premier Conte. Se le modifiche non verranno apportate, il governo potrà a quel punto decidere di ricorrere al Tar o alla Consulta e impugnarla. Un procedimento che prevede tempi lunghi (almeno due settimane), rispetto a un’ordinanza che è già in vigore dalla mezzanotte di oggi, Giovedì 30 Aprile appunto.

loading…


E’ doveroso ricordare che nelle scorse settimane la Calabria, come la Sicilia, il Comune di Reggio Calabria, il Comune di Messina, la Regione Puglia, la Regione Campania e molti altri enti locali, hanno già varato ordinanze in contrasto con i decreti del Governo, molto più restrittive nei confronti delle normative nazionali. Infatti molte multe e sanzioni sui territori sono state elevate in base alle norme regionali e comunali, più rigide rispetto a quelle nazionali. Non si capisce secondo quale ragionamento le misure fatte in un verso (chiusure) seppur in contrasto con le direttive nazionali, andavano bene e non venivano impugnate, mentre adesso quelle per le riaperture vengono immediatamente messe in discussione da un Governo che dapprima ha sottovalutato l’epidemia e poi ha disposto il lockdown più rigido del mondo intero anche nelle Regioni, come la Calabria, che sono state soltanto sfiorate dalla pandemia. Territori già economicamente svantaggiati a cui adesso vogliono impedire di ripartire, nonostante il tasso di contagio a 0,6 indichi chiaramente come la Calabria possa permettersi – con le cautele del caso – di iniziare a riaprire qualcosa, e in modo particolare le attività all’aperto dove il rischio di contagio è molto basso. – [FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>

Covid-19, l’Oms lancia raccolta fondi

Si chiama Solidarity response fund.  Come donare: Per donare al Solidarity Response Fund, potete andare sul sito http://who.int e cliccare sul bottone arancione “Donate” in cima alla pagina.

Oppure attraverso il canale Facebook.


A tutti i nostri lettori in Italia.
Può essere imbarazzante, però, per favore, non ignorare questo messaggio.  Il 99% dei nostri lettori non dona, fa finta di niente. Se sei uno dei quei lettori straordinari che ha già donato, ti ringraziamo di cuore. Se donassi solo 5 €, questo sito potrebbe continuare a crescere per anni. Dimostra ai volontari che ti forniscono informazioni affidabili e neutrali che il loro lavoro conta. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro Blog, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità:

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):


Comments are closed.


Get Widget