Calabria, Dal vice Sindaco Neri all’Assessore Muraca e Catalfamo, da Castorina a Quartuccio: i fedelissimi di Falcomatà indagati con accuse gravissime nell’Operazione “Helios”

09/06/2020 -I carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, in collaborazione col Reparto operativo carabinieri per la Tutela Ambientale di Roma, hanno dato esecuzione ad un decreto, emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio, che dispone l’amministrazione giudiziaria per le società Avr e Ase-Autostrade service, entrambe con sede legale a Roma, e il controllo giudiziario per la Hidro Geologic Line, con sede legale a Reggio Calabria. Parallelamente, nell’ambito della stessa inchiesta coordinata dalla Dda reggina.

Alla chiusura delle indagini per 13 indagati tra cui 8 amministratori pubblici, 2 dipendenti dell’AVR e altri funzionari degli enti locali. Tra questi, ci sono i fedelissimi del Sindaco Falcomatà a Palazzo San Giorgio: il suo Vice Armando Neri, l’Assessore ai lavori pubblici Giovanni Muraca, il capogruppo del Partito Democratico in Consiglio Comunale, delegato al Bilancio della Città Metropolitana e Componente della Direzione nazionale del Pd Antonino Castorina, il delegato alla cultura Filippo Quartuccio e il consigliere comunale Rocco Albanese, anche lui del Pd. Tra gli indagati c’è anche Giovanni Nucera (Partito Democratico), consigliere regionale della scorsa legislatura e ricandidato nella lista del Pd per Callipo Presidente alle elezioni Regionali di Gennaio (terzo con 4.979 preferenze dopo Irto e Battaglia).

loading…


L’assessore Catalfamo e Neri sono coinvolti insieme ad altri amministratori pubblici appartenenti al Comune di Reggio Calabria, al Consiglio comunale, alla Città Metropolitana, al Consiglio Regionale ed ex Provinciale, al Comune di Taurianova, indagati a vario titolo, in concorso con l’Amministratore delegato ed altri responsabili della predetta società, per avere esercitato indebite pressioni al fine di ottenere l’assunzione di personale segnalato e per avere commesso atti di corruzione per l’esercizio della funzione o per il compimento di atti contrari ai doveri di ufficio. Il tutto allo scopo di agevolare la società nei rapporti con la Pa controllante al fine di ricevere indebite utilità.

Entrambi i provvedimenti sono basati sulle indagini svolte nei confronti degli amministratori della società Avr; indagini che hanno consentito di accertare stabili rapporti di questa con imprenditori intranei o comunque collegati con cosche di ’ndrangheta e con amministratori pubblici in un contesto di relazioni di scambio reciproco finalizzato ad assicurare a tutti i protagonisti varie utilità.

L’inchiesta ha accertato in particolare che l’espansione territoriale di Avr scaturiva proprio dalla sua permeabilità agli interessi delle cosche e di alcuni amministratori pubblici. La Avr, infatti, viene descritta come “consonante” agli interessi criminali più solidi presenti nel territorio reggino, e dunque funzionale ad essi. A Reggio Calabria è attiva nel ciclo integrato dei rifiuti per il Comune (e per diversi comuni della provincia) attraverso la raccolta porta a porta, il trasporto, il trattamento, il recupero dei rifiuti e la pulizia del suolo; ma anche nella gestione della rete stradale della Città Metropolitana di Reggio e nell’appalto per l’arteria viaria “Gallico – Gambarie”.

Dalle indagini della Dda, inoltre, è emersa una pluralità di rapporti stabili fra la struttura imprenditoriale della Avrs ed imprenditori appartenenti o comunque collegati alle cosche. Nello specifico, è stato accertato che imprese riferibili all’associazione criminale ed operanti nei mandamenti Tirrenico e Ionico, sono state più volte agevolate attraverso l’affidamento e l’esecuzione di opere, consentendo così alla stessa Avr di operare con il gradimento delle cosche. Quanto al ramo d’azienda dell’Avr che si occupa del ciclo dei rifiuti e della pulizia del suolo, l’indagine avrebbe portato alla luce l’agevolazione degli interessi di alcune storiche cosche di ’ndrangheta egemoni nel territorio cittadino ed inserite in quel settore.

Ed è proprio in questo contesto che gli inquirenti hanno evidenziato un ulteriore elemento di condizionamento dell’attività della Avr, in questo caso, però, riconducibile non all’infiltrazione mafiosa, ma all’instaurazione di molti rapporti di scambio con amministratori pubblici funzionali ad assicurare a loro svariate utilità ed interessi privati (come l’acquisizione del consenso elettorale mediante le richieste di assunzione e di gestione clientelare delle politiche aziendali), nonché ad assicurare alla società un ampliamento dei profitti attraverso l’allentamento dei controlli sul suo operato. Proprio in quest’ambito è emerso il coinvolgimento nell’inchiesta dell’assessore regionale alle Infrastrutture Domenica Catalfamo, nella sua qualità di ex dirigente del Comune di Reggio Calabria, e del vicesindaco di Reggio Armando Neri. – [ADNOKRONOS]
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget