Scacco matto al clan Casamonica. Venti arresti e beni sequestrati per 20 milioni di euro

16/06/2020 – La Polizia di Stato, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Roma, sta eseguendo 20 misure cautelari (tra carcere e domiciliari) per associazione di stampo mafioso, estorsione, usura e intestazione fittizia di beni. Nell’operazione “Noi proteggiamo Roma”, oltre agli arresti, si sta procedendo a un maxi sequestro antimafia di beni, ai fini della confisca, per 20 milioni di euro, su proposta del Procuratore capo Michele Prestipino a e del Questore Carmine Esposito.

Dalle prime ore di questa mattina, più di 150 agenti del Servizio centrale operativo, della Squadra mobile di Roma e del commissariato “Romanina” hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa di misure cautelari personali e reali emessa dal dip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Dda, nei confronti di appartenenti al “clan Casamonica”. Contestualmente all’esecuzione delle ordinanze, è stata data esecuzione al decreto di sequestro di beni per un valore di circa 20 milioni di euro emesso dalla Sezione delle misure di prevenzione del Tribunale di Roma.

loading…



La Procura capitolina aveva già assestato un duro colpo ai Casamonica tra luglio 2018, con l’operazione “Gramigna”, e maggio 2019, con l’operazione “Gramigna bis”. Gli oltre 40 arrestati di allora sono finiti imputati in un maxi processo, tuttora in corso, per associazione mafiosa finalizzata a una serie di reati, tra cui estorsione, usura e intestazione fittizia di beni.

“L’operazione è importante non soltanto per l’aspetto repressivo in quanto tale perché colpiamo il gruppo mafioso dei Casamonica, noti a Roma da tempo e che avevano colonizzato la parte Sud-Est della Capitale e in parte anche i Castelli – dice Francesco Messina, direttore centrale anticrimine della Polizia – A parte l’aspetto repressivo puro, che ha portato alla contestazione del 416 bis per questi soggetti considerati come appartenenti a un clan di mafia locale, c’è un aspetto importante che è quello patrimoniale perché abbiamo per la prima volta utilizzato un modello operativo che prevede anche l’intervento della Divisione anticrimine accanto alla Squadra mobile e quindi del Servizio Centrale anticrimine accanto allo Sco.

Abbiamo eseguito un sequestro per un ammontare di 20 milioni di euro grazie a una misura di prevenzione irrogata dal giudice competente su proposta congiunta del questore e del procuratore di Roma – ha spiegato Messina – C’è un modello operativo nuovo in questa operazione, è la prima volta che si agisce con una proposta congiunta e un sequestro congiunto a Roma”.

“Si tratta di un’organizzazione con una “struttura orizzontale la cui forza è dettata dall’appartenenza alla famiglia Casamonica” scrive il gip Zsuzsa Mendola nell’ordinanza cautelare di 467 pagine con cui ha disposto gli arresti.
CONTINUA A LEGGERE >>


Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget