Corruzione, funzionario Agenzia delle Entrate vuole patteggiare

04/08/2020 – Un patteggiamento a 3 anni e 8 mesi di reclusione e il risarcimento di 40mila euro. È l’accordo trovato da R. C., attraverso il suo avvocato D. Giudici, con il sostituto procuratore di Como, Pasquale Addesso, che ora dovrà essere valutato dal giudice. Funzionario dell’Agenzia delle entrate di Como, 61 anni di Casnate con Bernate, C. era finito in carcere il 19 maggio con l’accusa di corruzione, per aver agevolato alcuni commercialisti, finiti a loro volta ai domiciliari. A metà giugno aveva deciso di sottoporsi a interrogatori con il pm: sei ore di faccia a faccia, al termine del quale gli atti erano stati secretati, ma nel frattempo C. aveva ottenuto i domiciliari.

Già pochi giorni dopo l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare, interrogato dal gip Maria Luisa Lo Gatto, era partito da una dichiarazione collaborativa: “Ho preso quei soldi – aveva detto – ammetto ogni accusa”. Il suo incarico all’Agenzia era svolgere controlli sulla corretta applicazione delle tassazioni: fin dall’inizio, a ogni domanda relativa alle sue imputazioni, aveva risposto con piene ammissioni, senza negare nulla. Ma al termine, aveva dato disponibilità a sostenere un ulteriore interrogatorio con il magistrato titolare dell’indagine.

loading…



L’indagine della guardia di finanza era di fatto partita oltre un anno fa, sfociata in una prima fase con l’arresto dei due commercialisti comaschi A. e S. P., dell’ex direttore dell’Agenzia di Como R. L. e di un funzionario, S. La V.. Tutti hanno definito le loro condanne, A. P. si è cancellato dall’albo professionale, il figlio è stato recentemente radiato, ma da quella prima fase di indagini sulle condotte di corruzione tra professionisti comaschi e funzionari dell’Agenzia, si era arrivati all’esecuzione della seconda ordinanza, a maggio, che aveva portato ai domiciliari numerosi commercialisti comaschi, tutti con la stessa accusa: aver pagato per agevolare pratiche di clienti, favorendo l’abbattimento dei rilievi tributari. Due persone erano finite in carcere e 12 ai domiciliari, buona parte dei quali hanno già patteggiato, per 22 episodi di corruzione che sarebbero avvenuti tra 2012 e 2019, a favore di 37 contribuenti: avrebbero sottratto al fisco circa 2 milioni e 200mila euro. – [FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget