Palermo, rifiuti e corruzione. Mazzetta al direttore tecnico della discarica di Bellolampo: tre arresti

08/08/2020 – Ancora un caso di corruzione a Palermo. V. B., 62 anni, funzionario della Rap per la discarica di Bellolampo, è stato arrestato dopo essere stato sorpreso in flagranza dalla Dia a intascate una tangente da 5mila euro.

Oltre a lui gli arresti sono scattati per E. G. C., imprenditore di Paternò attivo nel settore dei rifiuti, e D. P., siracusana titolare di diverse società per il trattamento dei rifiuti e rappresentante della “Realizzazioni e Montaggi s.r.l.” e amministratore unico della “Ecoambiente Italia s.r.l.” L’operazione è stata condotta dagli uomini della Dia di Palermo, coordinati dal procuratore aggiunto della Dda Paolo Guido e dai sostituti Gianluca De Leo e Claudia Ferrari. L’accusa è corruzione aggravata.

loading…



Decisivo l’appostamento effettuato ieri dagli investigatori che dopo un lungo pedinamento hanno sorpreso Caruso mentre consegnava a Bonanno una busta con 5000 euro in contanti. Dopo la perquisizione sono stati trovati all’interno di un auto altri 13.250 euro. L’intera somma di denaro è stata sequestrata.

Gli arrestati sono stati condotti in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria. “L’operazione – evidenziano gli inquirenti – rientra in una più ampia indagine, condotta dalla Dia, con il coordinamento della locale Direzione Distrettuale Antimafia, diretta ad esplorare i concreti interessi della criminalità organizzata di stampo mafioso nel ciclo dei rifiuti”.

B. nella discarica di Bellolampo si occupava della gestione dei rifiuti e dell’impianto di tritovagliatura. “Appena avremo i documenti che riguardano l’indagine attiveremo i percorsi di licenziamento – assicura il direttore generale Roberto Li Causi – e saremo parte civile in un eventuale processo”.

Per la discarica di Bellolampo, intanto, è stato avviato il procedimento di “commissariamento” interno da Rap. Ne ha dato notizia il presidente di Rap, Giuseppe Norata, che ha deciso di affidare l’incarico a due dirigenti interni: Antonino Petrone, responsabile dell’area tecnica, e l’avvocato Maria Concetta Codiglione, che è anche responsabile dell’anticorruzione dell’azienda. – [FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget