Blitz del Ros, sgominata frangia della Sacra Corona Unita. Indagine anche sugli scambi fra politici e mafiosi

05/03/2021 – I carabinieri del Ros stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare personale e patrimoniale emessa, su richiesta della locale procura distrettuale antimafia, nei confronti di sedici persone accusate di far parte di un sodalizio di stampo mafioso che avrebbe fatto parte della Sacra Corona Unita. Secondo gli investigatori del Ros, il gruppo era dedito al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, ma le accuse sono anche di scambio elettorale politico-mafioso, danneggiamento, rapina, detenzione e porto abusivo di armi e munizioni, anche da guerra. Il sodalizio avrebbe operato nel versante orientale della provincia di Taranto, in particolare nel Comune di Pulsano e nelle cittadine vicine.

I militari hanno arrestato sedici persone, dodici delle quali sono finite in carcere. Il provvedimento restrittivo è stato disposto dal gip Giovanni Gallo, su richiesta dei magistrati della Dda di Lecce.
Trentatre provvedimenti di fermo sono stati eseguiti alle prime luci dell’alba a Taranto nell’ambito di una vasta operazione della Polizia di Stato che ha sgominato un importante sodalizio criminale attivo nel capoluogo ionico. Gli appartenenti all’organizzazione sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, estorsione aggravata dal metodo mafioso, rapina aggravata, detenzione illecita di armi clandestine, danneggiamento aggravato dal metodo mafioso e altro. Nell’operazione sono stati impegnati circa 200 poliziotti ed un elicottero del Reparto Volo di Bari. I particolari dell’operazione, denominata “Taros”, saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella sede del comando provinciale carabinieri di Taranto alle 10.30.

Comments are closed.


Get Widget