Truffe su fondi e rimborsi dell’Ue: Italia nel mirino dell’Antifrode per 13 irregolarità

05/12/2021 – Assegni familiari non dovuti, rimborsi taroccati, finanziamenti illeciti al proprio partito, contributi incassati per attività diverse da quelle previste dai regolamenti dell’Unione europea. C’è stato anche un eurodeputato che ha utilizzato i fondi comunitari per pagare 5 assistenti nei suoi uffici a Bruxelles e stipendiarne altri 33 nel suo Paese. Peraltro le indagini hanno evidenziato come qualcuno di quei presunti collaboratori non si fosse mai occupato del lavoro del parlamentare. Sono tante le irregolarità riscontrate nel 2020 dall’Olaf, l’Ufficio europeo per la lotta antifrode, che indaga sugli illeciti che danneggiano «gli interessi finanziari» dell’Unione, come recita la legge che lo ha istituito, ma valuta anche la congruità delle entrate (essenzialmente i dazi doganali), eventuali conflitti d’interesse o abusi di potere. Sotto la sua lente non ci sono soltanto i rappresentanti eletti nell’assemblea di Strasburgo e i membri della Commissione di Bruxelles, ma anche i dipendenti delle tante istituzioni comunitarie. Oltre alle inchieste, l’Olaf formula «raccomandazioni».

LEGGI ANCHE: Corruzione, i fondi Ue in agricoltura tra mail false e documenti taroccati. In una relazione svelati i misteri delle tangenti

L’Italia è stato il primo Paese per irregolarità riscontrate: tredici, di cui nove concluse con specifiche segnalazioni. A seguire la Bulgaria, l’Ungheria e la Romania con otto casi evidenziati, la Polonia e la Francia con sette, la Serbia e la Slovacchia con sei. In tutto sono state 109.
Molte inchieste dell’Olaf hanno rilevato che alcuni dipendenti della Banca europea per gli investimenti avevano ottenuto indennità scolastiche a cui non avevano diritto. Nell’operazione sono stati coinvolti 45 membri della Bei per pagamenti di oltre un milione e mezzo di euro. In seguito all’indagine, la stessa Bei ha riformato il sistema delle indennità correggendo le incongruenze. Nelle sue raccomandazioni l’Olaf ha chiesto provvedimenti disciplinari o altre misure correttive per 26 membri dello staff e il rinvio a giudizio per tre dipendenti che avevano ingannato l’amministrazione con documenti falsificati. La Banca europea ha recuperato 600mila euro.

Non sono mancati casi di appropriazione indebita di indennità parlamentari. Tutto il Parlamento è finito sotto la lente dell’istituto antifrodi. La sorpresa più grande è stata quella di un deputato che in una sola legislatura ha assegnato compensi a 38 suoi collaboratori, peccato che alcuni non vivessero né lavorassero all’Ue. Uno di questi non aveva mai nemmeno prestato servizio per l’eurodeputato, eppure risultava a stipendio da Strasburgo. Altri due avevano collaborato con il politico ma non sempre a Bruxelles anche se i loro contratti avevano stabilito che la città belga fosse la loro sede esclusiva. A seguito della sua indagine, l’istituto ha emesso una raccomandazione al Parlamento europeo per il recupero degli stipendi della maggior parte di questi presunti assistenti, circa 500mila euro. Un altro parlamentare, invece, è finito nei guai per aver gonfiato il contratto del collaboratore e i rimborsi: gli è stato chiesto di restituire 800mila euro. –  [FONTE]

VIDEO CORRELATO:



Comments are closed.


Get Widget
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com